Bullitt, Steven Spielberg dirigerà un nuovo film sul personaggio

Cinema

Camilla Sernagiotto

©Webphoto

Alcune fonti hanno rivelato al magazine statunitense Deadline che il regista statunitense ha incominciato un progetto per dirigere una nuova storia originale incentrata sull'iconico personaggio impersonato da Steve McQueen. Non sarà un remake del thriller uscito nel 1968 ma un film nuovo. Spielberg sarà il regista e anche il produttore, il progetto è per Warner Bros.

Steven Spielberg si occuperà di dirigere un nuovo film che racconterà uno dei personaggi più iconici del grande schermo, ossia Frank Bullitt.

Si tratta del ruolo che consacrò a divo Steve McQueen, che si calò nei panni di Bullitt nell'omonima pellicola del 1968.

La notizia è stata riportata in esclusiva dal magazine statunitense Deadline, a cui alcune fonti hanno rivelato che il mitico regista statunitense è alle prese con le fasi iniziali del progetto per dirigere una nuova storia originale incentrata su quel ruolo di McQueen.

Steven Spielberg è quindi a dir poco occupatissimo: si sta destreggiando tra i tantissimi premi per cui il suo ultimo film West Side Story è stato nominato (tratto dall'omonimo musical di Leonard Bernstein, Stephen Sondheim ed Arthur Laurents e secondo adattamento cinematografico del musical, dopo il film del 1961 di Robert Wise e Jerome Robbins) ed è anche alle prese con la post produzione di The Fablemans, pellicola semi-autobiografica a cui tiene particolarmente.
Nonostante i parecchi impegni di cui la sua agenda è fitta, il regista ha trovato il tempo ma soprattutto la voglia di occuparsi di questa nuova avventura cinematografica.


Oltre a dirigerla, Spielberg produrrà anche il film su Bullitt, insieme a Kristie Macosko Krieger. Il progetto verrà prodotto per la Warner Bros.

Il film

approfondimento

Ford Mustang Bullit, per una vita alla Steve McQueen

Nel team creativo che lavorerà al film su Bullitt dovrebbe esserci come presenza ormai appurata anche Josh Singer (già sceneggiatore di "The Post", "Spotlight"), che si occuperà di scrivere la sceneggiatura.
Secondo le fonti di Deadline, gli accordi sarebbero ora in fase di finalizzazione. Singer scriverà la sceneggiatura assieme alla collaboratrice abituale di Spielberg, Kristie Macosko Krieger.

Le fonti di Deadline affermano che non si tratterà assolutamente di un remake del film originale, quello diretto da Peter Yates negli anni Sessanta, bensì di una nuova idea incentrata sullo stesso personaggio ma ben differente.

Ricordiamo che nella pellicola originale Frank Bullitt è un poliziotto di San Francisco che sta cercando il boss della mafia che ha ammazzato il suo testimone.


Il film del 1968 è considerato all'unanimità il titolo che consacrò a icona McQueen. È ricordato come uno dei pilastri della settima arte anche per le sue scene di inseguimento in auto, tra le più famose della storia del grande schermo. Steve McQueen sul set guidava un’indimenticabile Ford Mustang modificata.

Bullitt del 1968 era basato sul romanzo del 1963 dal titolo Testimone muto. Segue le indagini del poliziotto messo a titolo, che si mette sulle tracce degli assassini dell'informatore della mafia che lui, Frank Bullitt, aveva l'incarico di proteggere.

Il film ha vinto l'Oscar per il montaggio ed è stato anche nominato nella categoria per il miglior suono.

Gli eredi di McQueen produrranno

approfondimento

Steven Spielberg, 20 capolavori del genio del cinema. FOTO

Oltre a Steven Spielberg, che sarà uno dei produttori, a produrre ci saranno anche gli eredi del leggendario attore Steve McQueen.

Chad McQueen, il figlio di Steve, e la nipote Molly McQueen si occuperanno di produrre il nuovo film diretto da Spielberg.

Persone vicine al regista hanno dichiarato che lui stava pensando a un progetto incentrato su questo personaggio già da parecchio tempo. L'anno scorso però si è concentrato su West Side Story, quindi non ha potuto occuparsi subito di questo progetto, tuttavia ha voluto negoziare con gli eredi di McQueen per ottenere i diritti del personaggio.

Una volta ottenuti, ha deciso di intraprendere questa nuova avventura cinematografica, occupandosene direttamente sia come regista sia come produttore. Pare che le trattative per i diritti di Bullitt abbiano però richiesto più tempo del previsto, motivo per cui Spielberg si è concentrato su The Fablemans, la pellicola - attualmente in post-produzione - che è liberamente ispirata all'infanzia del regista, cresciuto in Arizona.

Non appena c'è stato l'ultimo ciak di The Fablemans, l’attenzione del famoso director è tornata a Bullitt.

I recenti successi di Spielberg

approfondimento

West Side Story, il cast del film premiato ai Golden Globes 2022

Il 2022 è iniziato alla grande per Steven Spielberg. Il suo film West Side Story ha ottenuto la bellezza di sette nomination agli Oscar, comprese le candidature per il miglior regista il miglior film.


Ai Golden Globes di quest'anno ha vinto in tre categorie, ossia Miglior film commedia o musicale; migliore attrice in un film commedia o musicale (Rachel Zegler) e miglior attrice non protagonista (Ariana DeBose).

Era stato candidato anche al globo dorato per il miglior regista ma alla fine il premio non è andato a Steven Spielberg: è stato consegnato a Jane Campion per Il potere del cane (The Power of the Dog).

Spettacolo: Per te