Venezia - Freaks Out, le impressioni a caldo del film in anteprima

Cinema

di Denise Negri

Per la rubrica #aprimavista, Denise Negri commenta Freaks Out, il nuovo film attesissimo di Gabriele Mainetti. "Un film, dove il regista di “Jeeg Robot” ha messo tutto il suo cinema, la sua visione e anche e soprattutto la sua ambizione" - SEGUI CON NOI LA DIRETTA DEL FESTIVAL DI VENEZIA, QUI IL LIVEBLOG

approfondimento

Festival di Venezia 2021, la recensione del film di Gabriele Mainetti

Finalmente alla mostra del cinema di Venezia (qui il nostro  speciale) è arrivato Freaks Out di Gabriele Mainetti, qui alla sua seconda regia dopo l’esordio con il riuscitissimo Jeeg Robot, Il film in concorso è una delle pellicole che tutto il pubblico italiano sta aspettando in sala (dal 28 ottobre) che a causa del Covid è stata rimandata più volte. Un film la cui lavorazione, a quanto si sa, non è stata per niente facile ma che non ha inficiato sulla qualità della pellicola coronata anche da effetti speciali davvero incredibili e bellissimi.

Gabriele Mainetti ha messo in questa sua opera tutto il suo cinema, la sua visione e anche e soprattutto la sua ambizione. Ognuno dei protagonisti di questi "Freaks" ha un potere particolare e la storia si svolge durante la seconda guerra mondiale in una Roma occupata dai nazisti. Senza svelare altro è sicuramente una pellicola che punta in alto e che speriamo che la giuria di questo Festival lo capisca.

SEGUI CON NOI LA DIRETTA DEL FESTIVAL DI VENEZIA, QUI IL LIVEBLOG

La trama

Roma, 1943: Matilde, Cencio, Fulvio e Mario vivono come fratelli nel circo di Israel. Quando Israel scompare misteriosamente, i quattro "fenomeni da baraccone" restano soli nella città occupata dai nazisti. Qualcuno però ha messo gli occhi su di loro, con un piano che potrebbe cambiare i loro destini... e il corso della Storia.

Il cast

Tra i protagoinsti del film  troviamo tra gli altri Claudio Santamaria, Aurora Giovinazzo, Pietro Castellitto (che abbiamo visto nei panni di Francesco Totti nella serie Speravo de morì prima) e Giancarlo Martini, con la partecipazione di Giorgio Tirabassi e con Max Mastrota e Franz Rogowski. Il soggetto originale di Freaks Out è di Nicola Guaglianone, che ha scritto anche la sceneggiatura insieme allo stesso Gabriele Mainetti.

Le parole di Gabriele Mainetti

"Freaks Out nasce da una sfida: ambientare sullo sfondo della pagina più cupa del Novecento un film che fosse insieme un racconto d’avventura, un romanzo di formazione e – non ultima – una riflessione sulla diversità. Per farlo ci siamo avvicinati alla Roma occupata del 1943 con emozione e rispetto, ma allo stesso tempo abbiamo dato libero sfogo alla fantasia: sono nati così i nostri quattro freak, individui unici e irripetibili, protagonisti di una Storia più grande di loro."

Lo speciale sul Festival di Venezia 2021

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.