Chi è Riz Ahmed, candidato agli Oscar 2021 come Miglior Attore per Sound of Metal

Cinema

Marco Agustoni

©Getty

Il protagonista della pellicola incentrata su un batterista che scopre di essere condannato a perdere l'udito non è famoso solo per film e serie tv, ma anche come rapper e attivista

Un "metallaro" agli Oscar


Quest’anno, già solo al momento delle candidature, gli Academy Awards hanno vissuto una serie di storiche “prime volte”. Ebbene, se, al momento di annunciare il vincitore dell’Oscar come Miglior attore protagonista, venisse chiamato il nome di Riz Ahmed, ci troveremmo di fronte a un nuovo, significativo precedente: sarebbe infatti la prima volta nella storia dell’Academy in cui un musulmano riceve la statuetta come miglior interprete.


Ahmed è candidato per la sua eccezionale performance in Sound of Metal, film d’esordio di Darius Marder che ha ricevuto numerose nomination agli Academy Awards 2021, per il Miglior film, il Miglior attore protagonista, il Migliore attore non protagonista con Paul Raci, la Migliore sceneggiatura originale, il Miglior montaggio e il Miglior sonoro.


Nonostante quest’anno in molti diano per scontato l’Oscar postumo a Chadwick Boseman (FOTO), visto per un’ultima volta su grande schermo in Ma’ Rainey’s Black Bottom, il protagonista di Sound of Metal ha le sue buone chance di vincere. In attesa di scoprire il verdetto dell’Academy in diretta su Sky, ecco spiegato in breve chi è Riz Ahmed.

Chi è Riz Ahmed

approfondimento

Oscar 2021, Miglior Attore Protagonista: tutte le nomination. FOTO


Nato il 1° dicembre del 1982 a Wembley da genitori pakistani, Riz Ahmed si è dedicato alla carriera da attore solo dopo essersi laureato in Filosofia, Politica ed Economia a Oxford. Per lui, però, la recitazione è soltanto una parte del proprio percorso artistico, perché già negli anni giovanili Riz si distingue come mc, partecipando con ottimi risultati a varie rap battle e facendosi conoscere sulle radio pirata e indipendenti.


Come solista, Riz Mc ha al suo attivo due album: il primo, uscito nel 2011, si intitolava Microscope, mentre nel 2020 è uscito con The Long Goodbye. Nel mentre Ahmed ha anche dato vita al duo hip hop Swet Shop Boys assieme a Heems, con il quale ha pubblicato un disco intitolato Cashmere.


L’attivismo politico ha sempre giocato un ruolo rilevante tanto nella musica, quanto nella vita di Riz Ahmed, che da sempre si batte contro gli stereotipi e la disparità di trattamento ai danni dei musulmani.

Riz Ahmed, la carriera al cinema e in tv

approfondimento

Chi è Lee Isaac Chung, regista di Minari candidato agli Oscar 2021


Parallelamente alla musica, Riz Ahmed dà il via alla sua carriera da attore nel 2006, peraltro in grande stile, prendendo parte al film di denuncia The Road to Guantamano di Michael Winterbottom, in cui interpreta Shafiq Rasul, parte dei cosiddetti Tipton Three, il trio di cittadini britannica vittima di detenzione extragiudiziale da parte degli Stati Uniti, perché sospettati di terrorismo.


Riz ha così una prima occasione per dimostrare le sue doti da interprete e cominciaa lavorare sia al cinema, che in televisione. Negli anni seguenti prende parte alle serie tv Dead Set e Wired, mentre al su grande schermo lo vediamo in Rage di Sally Potter, Four Lions di Chris Morris e Il principe del deserto di Jean-Jacques Annaud.


Arrivano anche i primi ruoli da protagonista: nel 2012 Mira Nair lo vuole nel thriller politico Il fondamentalista riluttante, in cui recita al fianco di Kate Hudson e Kiefer Sutherland. Nel 2015 è ne Lo sciacallo – Nightcrawler di Dan Gilroy, ma è il 2016 il momento della vera svolta.


In questa “ottima annata” Riz Ahmed prende parte a due blockbuster come Jason Bourne di Paul Greengrass, nel ruolo di Aaron Kalloor, e Rogue One: A Star Wars Story, nella parte di Bodhi Rook, entrando così a far parte di due delle saghe cinematografiche di maggior successo di sempre.


Come se non bastasse, è protagonista di The Night Of, in cui interpreta Nasir Khan. La sua performance gli vale una candidatura ai Golden Globe e la vittoria (ai danni di rivali del calibro di Robert De Niro, Benedict Cumberbatch, John Turturro, Ewan McGregor e Geoffrey Rush) agli Emmy come Miglior attore in una miniserie o film tv. Fra l’altro, Riz Ahmed è il primo musulmano ad accaparrarsi questo prestigioso riconoscimento.


In seguito a questa consacrazione, Riz viene arruolato da Jacques Audiard nel western I fratelli Sisters e da Ruben Fleischer in Venom, pellicola che segue la genesi del nemico per eccellenza di Spider-Man, in cui gli tocca l’onere e l’onore di interpretare il villain Carlton Drake/Riot.

chi è Riz Ahmed Sound of Metal

The Sound of… Silence?

approfondimento

Oscar 2021, Miglior Attore non Protagonista: tutte le nomination. FOTO


Ed eccoci a Sound of Metal, la pellicola con cui Riz Ahmed potrebbe fare la storia degli Academy Awards. Il lungometraggio d’esordio del regista e sceneggiatore Darius Marder (che aveva già all’attivo il documentario Loot e la sceneggiatura di Come un tuono di Derek Cianfrance) vede il nostro eroe impegnato nel ruolo di Ruben Stone, batterista di un duo metal sperimentale che scopre da un giorno all’altro di essere sul punto di perdere completamente l’udito.


Sound of Metal
è un film originale, a suo modo impietoso, incentrato sulla gestione del trauma e sull’accettazione delle sue conseguenze. Riz Ahmed, con la sua interpretazione, ci restituisce il ritratto di un uomo in bilico fra il disastro e la speranza di un ritorno alla vita normale. Con lui sul set ci sono Olivia Cooke, Mathieu Amalric e la rivelazione Paul Raci, caratterista che arriva alla sua prima importante nomination (come si diceva, è candidato agli Oscar come Miglior attore non protagonista) quando ormai ha passato da un pezzo i 70 anni.

Riz Ahmed, un promettente futuro


Inutile dire che in seguito a questa performance e alla nomination agli Oscar (oltre che ai Golden Globe, dove però non l’ha spuntata), le quotazioni di Riz Ahmed siano notevolmente salite. E infatti l’attore e musicista britannico non è stato con le mani in mano.


Dopo aver recitato nel 2020 nel film Mogul Mowgli di Bassam Tariq (con il quale ha curato la sceneggiatura) e prodotto assieme a Nikolaj “Jaime Lannister” Coster-Waldau il documentario animato Flee, sarà protagonista assieme a Octavia Spencer del thriller sci-fi Invasion di Micheal Pearce. E, ne siamo sicuri, lo vedremo in molte altre produzioni di alto livello.


Non rimane ora che scoprire se Riz Ahmed potrà stringere fra le sue mani l’ambita statuetta agli Oscar 2021: l’appuntamento è per la notte del 25 aprile in diretta su Sky.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.