Venezia - Padrenostro, le impressioni a caldo del film in anteprima

Cinema
Denise Negri

Denise Negri

Per la rubrica #aprimavista Denise Negri commenta Padrenostro, primo film italiano in concorso. "Favino straordinario come sempre, ma anche i due co-protagonisti non gli sono da meno"

Oggi è stato il giorno del primo film italiano in concorso, Padrenostro di Claudio Noce. Un film che ha due cuori centrali: il fatto che per ogni bambino il proprio padre sia un eroe, salvo poi naturalmente rendersi conto delle debolezze e fragilità del proprio genitore nel processo di crescita, e l'importanza dell'amicizia, il fatto che si possa diventare amici pur partendo da strade molto lontane e diverse, e grazie agli amici superare dei traumi. 

approfondimento

Venezia: red carpet glamour per il film “Padrenostro”

Favino è straordinario, come è sempre, qualsiasi cosa faccia, ma sono quasi alla sua altezza i due ragazzi co-protagonisti. La cornice del film, in parte autobiografico, è un fatto di cronaca avvenuto a Roma negli anni Settanta, quando il vicequestore (nella realtà, il padre del regista) subisce un attentato terroristico da parte dei NAP: il figlio è stato testimone dell'attentato e grazie all'amicizia e al rapporto con la famiglia riuscirà ad evolvere e superare il dolore. Uscirà al cinema il 24 settembre: andate a vederlo.

Lo Speciale sul Festival di Venezia 2020
#aprimavista: la recensione di Lacci

Spettacolo: Per te