Alberto Sordi, Akim Zejjari sceglie Il Vigile

Cinema
Akim Zejjari

Akim Zejjari

Quale maschera di Sordi scegliere? Il marito o il vigile? Una bella scelta amletica ma io tifo per il mitologico Otello Celletti, il vigile zelante, narciso e codardo  dell’irresistibile film di Luigi Zampa

Siamo nel 1960 e il vigile è una delle prime commedie all’Italiana che graffia l’immagine dell’Italia del boom economico con una satira sul servilismo e la corruzione. Il film venne interamente girato a Viterbo perché il comune di Roma non diede l’autorizzazione per le riprese, per quale motivo?

approfondimento

Sky Cinema Collection, un canale a tutto classici

Perché il film si ispira a un fatto di cronaca vero accaduto nel 1959: quello di un vigile che osò multare il questore di Roma e che per questo finì in disgrazia…Un ruolo d’oro per il grande Alberto Sordi che qui è all’ennesima potenza nei panni di uno sfaticato che a furia di raccomandazioni riesce a avere un posto a tempo indeterminato da vigile urbano. Un vero riscatto per questo disgraziato che veniva accolto in osteria a suon di pernacchie. E così eccolo nella sua divisa in pelle “sado maso” a vendicarsi a suon di multe contro il mondo, peccato che a un certo punto multa anche il sindaco di Roma interpretato dal grandissimo Vittorio de Sica.

approfondimento

Alberto Sordi, 100 anni fa nasceva il più grande attore romano. FOTO

Se non avete ancora visto questo capolavoro della commedia all’Italiana non vi racconto altro…vi posso solo dire che ahimè è un film ancora molto attuale che ci ricorda quanto possiamo essere schiavi della divisa e del potere, quindi non perdetevelo, W il vigile!

Spettacolo: Per te