Chloë Grace Moretz e il meme de I Griffin: "Tutti mi prendevano in giro per il mio corpo"

Spettacolo
©IPA/Fotogramma

L’attrice ha sofferto per un episodio della serie animata che puntava i riflettori sul suo aspetto fisico

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

 

 

Un episodio della serie animata I Griffin avrebbe ferito l’attrice Chloe Grace Moretz. Da quel momento infatti è nato un meme che ha fatto il giro del mondo sul suo aspetto fisico. L’attrice ha condiviso il suo pensiero a riguardo durante un’intervista con Hunger Magazine, raccontando come quell’immagine virale abbia influenzato il suo stato d’animo e alimentato l’ansia e l’insicurezza.

Le conseguenze di un meme

approfondimento

Inverso, il trailer della serie sci-fi con Chloë Grace Moretz

“C’è stato un meme che ha realmente avuto delle conseguenze su di me, ed era quello che mi mostrava mentre entravo in un hotel con una scatola di una pizza in mano. E poi questa foto è stata manipolata dando vita a un personaggio della serie I Griffin con delle gambe lunghe e un torso cortissimo, ed era uno dei meme più diffusi all’epoca” ha detto Chloë Grace Moretz, sottolineando come la serie ha in un certo senso causato un suo tracollo psicologico. “Tutti stavano prendendo in giro il mio corpo e quando l’ho fatto presente a qualcuno mi è stato detto ‘Oh, stai zitta, è divertente’. E mi ricordo che ero lì seduta e pensavo che il mio corpo stava venendo usato come battuta ed è qualcosa che non posso cambiare di ciò che sono, ed era condiviso ovunque su Instagram. Ancora adesso quando vedo quel meme è qualcosa che mi risulta difficile da superare emotivamente”.

Attenzione non gradita

GUARDA ANCHE

Tutti i video sulle serie tv

“Mi ha privato di qualcosa che apprezzavo, ovvero vestirmi elegante e andare sul red carpet, dove mi scattavano le foto, perché ero fin troppo consapevole. E penso che quella dismorfofobia – che affrontiamo tutti in questo mondo – sia estrapolata dai problemi dei social media. Ti incasinano la testa” ha aggiunto. Essere un personaggio pubblico attira su di se i riflettori e gestire questa attenzione fatta a volte di ammirazione e altre di giudizio, non è facile per qualche artista.

Il lockdown di Chloe

“È stato grandioso perché mi sono allontanata dai fotografi e ho potuto essere me stessa, e avere così tante esperienze che le persone non hanno fotografato, ma al tempo stesso mi ha causato una grave ansia quando venivo fotografata. I battiti del cuore aumentavano e andavo in iperventilazione” ha detto l’attrice ricordando il periodo della pandemia che prevedeva l’obbligo delle mascherine nelle situazioni pubbliche.

Spettacolo: Per te