Will Smith si scusa con Chris Rock per lo schiaffo agli Oscar 2022: “Non mi parla”. VIDEO

Spettacolo
©Ansa

L'attore in un video sul suo profilo Instagram: "Sono profondamente pentito. Ho cercato di contattare Chris, ma lui non è pronto a parlare con me. Quando lo sarà, si farà vivo lui"

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

 

Will Smith torna a scusarsi per lo schiaffo che ha tirato in diretta agli Oscar al conduttore Chris Rock, che durante la serata di premiazione aveva fatto una battuta sull'alopecia della moglie di Smith, Jada Pinkett Smith, scatenando la reazione del premio Oscar. In un video sul suo profilo Instagram, l’attore si è detto "profondamente pentito" e ha definito "inaccettabile" il suo comportamento. Le scuse non sono però ancora state accettate: "Ho cercato di contattare Chris, ma lui non è pronto a parlare con me. Quando lo sarà, si farà vivo lui", ha detto Smith. Il comico aveva rievocato i fatti recentemente, dicendo "Tutti coloro che dicono che le parole fanno male non hanno mai preso un pugno in faccia”.

“Ero annebbiato”

vedi anche

Guarda la playlist video di Sky sui contenuti cinema

Nel video si vede Smith rispondere ad alcune domande su quanto successo all’ultima notte degli Oscar. A chi gli chiede perché non si fosse scusato con Chris Rock già sul palco della premiazione, Smith risponde che “a quel punto ero annebbiato”. Poi, guardando la telecamera, si rivolge direttamente al comico: “Chris, voglio dirti che mi scuso. Voglio scusarmi con la madre di Chris e con la sua famiglia”. E aggiunge: "Ho passato gli ultimi tre mesi a ripensare a cosa è successo in quel momento. Non c’è una parte di me che pensa che fosse il modo giusto di comportarsi in quel momento”. Smith si è poi scusato anche con i propri figli, per le ricadute del gesto sull’opinione pubblica, e con “gli altri nominati” agli Oscar. Will Smith, la stessa sera, ha vinto il premio come Miglior attore protagonista per la sua interpretazione in 'King Richard'.

Spettacolo: Per te