Ryan Reynolds, una ONG per i talenti creativi delle comunità sottorappresentate

Spettacolo
©Getty

Insieme alla società Deloitte, l’attore Ryan Reynolds ha fondato un’organizzazione no-profit per aiutare i talenti creativi delle comunità sottorappresentate chiamata The Creative Ladder

Iscriviti alla nostra newsletter per restare aggiornato sulle notizie di spettacolo

 

 

Il popolare attore Ryan Reynolds ha deciso di stringersi attorno ai talenti creativi con un’azione concreta. Insieme alla società Deloitte, infatti, l’artista ha fondato una nuova organizzazione no-profit chiamata The Creative Ladder. Lo scopo è quello di sostenere i talenti creativi delle comunità sottorappresentate.

I dettagli della fondazione The Creative Ladder

approfondimento

Ryan Reynolds, nuovo record per l'attore con The Adam's Project

La società Deloitte ha già effettuato una prima donazione di 500.000 dollari, denaro che servirà per organizzare programmi e servizi per studenti e talenti creativi. L’obiettivo, infatti, è quello di aumentare le loro opzioni di carriera in diversi ambiti come pubblicità, marketing, produzione commerciale e design. Inoltre, la The Creative Ladder fornirà anche formazione alla leadership, tutoraggio, opportunità di networking e, infine, risorse per lo sviluppo della carriera personale. Tale fondazione sarà ufficialmente lanciata nel prossimo autunno, quando si terrà una conferenza stampa che illustrerà tutti i programmi, tra cui una Leadership Academy di sei mesi che insegnerà ai partecipanti le abilità di gestione. A riguardo, Ryan Reynolds si è mostrato piuttosto entusiasta: “Adoro fare pubblicità e voglio aiutare a garantire che i talenti di ogni rango sociale abbiano l’accesso e le informazioni di cui hanno bisogno per fare carriera”. Parole alle quali fanno seguito quelle di Janet Foutty, presidente esecutiva della Deloitte U.S., società co-fondatrice di The Creative Ladder: “Le comunità sottorappresentate non hanno avuto le stesse opportunità di networking e sviluppo professionale della maggior parte dei creativi. La nascita di un pool di talenti più diversificato è un passaggio fondamentale nella creazione di un futuro equo in più segmenti creativi". Oltre a Ryan Reynolds e la Deloitte, tra i co-fondatori ci sono anche Dorsey Calloway, CEO della District Clothing e David Griner, CCO di Adweek.

La carriera di Ryan Reynolds

approfondimento

Ryan Reynolds: "Ecco come è iniziata la storia con Blake Lively"

L’attore di Vancouver ha ormai un’esperienza trentennale nel campo del cinema e della tv ed è tra gli artisti più ricercati di Hollywood. Apprezzato per la sua versatilità, Ryan Reynolds ha dimostrato negli anni di sapersi districare in ruoli comici come in Maial College del 2002, ma anche in film più di azione come Safe House – Nessuno è al sicuro del 2012, o in parti dove recitava il ruolo del cattivo come nell’horror Amityville Horror del 2005. Da segnalare, inoltre, la partecipazione in pellicole fantastiche e incentrate sugli eroi come X-Men le origini – Wolverine del 2008, Lanterna Verde del 2011, Deadpool del 2016 e il suo sequel Deadpool 2 del 2018. Per quanto concerne la vita privata, dopo le storie con Alanis Morissette e Scarlett Johansson, è sposato dal 9 settembre 2012 con la collega Blake Lively. I due sono diventati genitori di tre figli: James, Inez e Betty.

Spettacolo: Per te