Janelle Monae fa coming out e si definisce non binaria

Spettacolo

Camilla Sernagiotto

©Getty

La cantautrice e attrice statunitense ha annunciato nell'episodio del 20 aprile dello show "Red Table Talk" di Jada Pinkett Smith di essere non binary. “Semplicemente non mi vedo solo come una donna”, ha dichiarato. La candidata ai Grammy si era precedentemente detta pansessuale, rivelandolo nel 2018 al magazine Rolling Stone

Janelle Monáe ha fatto coming out definendosi non binaria: la cantautrice e attrice statunitense, candidata ai Grammy, si è così definita durante la sua ospitata nell'episodio del 20 aprile di "Red Table Talk”, lo show di Jada Pinkett Smith su Facebook Watch.
La notizia è stata riportata da NBC News e ripresa dal magazine statunitense Variety.

Monáe si era precedentemente detta pansessuale: l’aveva rivelato nel 2018 al magazine Rolling Stone, di cui è stata la cover story. All'epoca la star aveva detto di essersi inizialmente identificata come bisessuale. “In seguito ho letto della pansessualità e ho pensato, 'Oh, queste sono cose in cui mi identifico anche io.' Sono aperta a saperne di più su chi sono”, ha raccontato Janelle Monáe a Rolling Stone quattro anni or sono.

Ricordiamo che la pansessualità è un'attrazione per le persone indipendentemente dal sesso (inteso come genere).

Oggi invece la cantante e attrice aggiunge informazioni in più, definendosi non binary.

Un rappresentante di Monáe ha confermato a Rolling Stone che l'artista utilizza ancora i suoi soliti pronomi.

Le parole di Janelle Monáe

approfondimento

Oscar: made in Salento abito di Janelle Monae

"Non sono binaria, quindi non mi vedo solo come una donna", ha affermato Janelle Monáe durante la chiacchierata del primo episodio della quinta stagione di "Red Table Talk.

“Sento tutta la mia energia. Sento che Dio è molto più grande del ‘lui’ o della ‘lei’. Se vengo da Dio, sono tutto. Io sono tutto, ma starò sempre, sempre con le donne. Starò sempre con le donne nere. Ma vedo solo tutto al di là del binario”, ha aggiunto.

Monáe ha spiegato che preferisce soffermarsi sull'energia delle persone piuttosto che sul loro loro genere o sesso. "Non vedo come ti identifichi", ha detto. "E sento che questo ti apre all'innamoramento di chiunque, di qualsiasi spirito che sia bello”.

Il tweet del 2020

approfondimento

Usa, sui passaporti arriva la "X" per le persone "non binarie"

Janelle Monáe ha calamitato l'attenzione del mondo sul tema del non binary già nel 2020, quando condivise sul suo profilo di Twitter un meme di “Steven Universe”.

“Non sono una donna, non sono un uomo, sono un'esperienza”, si leggeva in quel meme.
Durante un'intervista con il magazine statunitense Variety, l’artista si è espressa con le seguenti parole: "Sto esplorando, sapete? Sono così aperta a ciò che l'universo mi sta insegnando e insegnando a tutti noi sul genere… Sicuramente non vivo la mia vita in modo binario. Ho sempre spinto [su quest’aspetto], come potete vedere dal modo in cui mi vesto e dalle cose che ho detto dall'inizio della mia carriera. Ho combattuto contro le norme di genere e sul cosa significa essere una donna e cosa significa essere un uomo”.

Vivere la vita con una prospettiva non binaria

approfondimento

Demi Lovato non-binary: Wikipedia inglese si adegua, l'italiana no

Sempre interpellata da Variety, Janelle Monáe in un'intervista del gennaio 2020 parlò del vivere con una prospettiva non binaria. Riferendosi alla sua esibizione nella seconda stagione di "Homecoming" di Amazon, la star ha affermato: "Ho sempre cercato di sbarazzarmi di tutte queste cose - qualsiasi etichetta - e di lavorare sul mio viaggio, ovunque possa essere. Mi sento come se fossi un'esperienza, sono alla scoperta di me stessa e voglio solo continuare a mostrare amore a tutti coloro che continuano a vivere al di fuori del [sistema] binario”.

 

Prossimamente vedremo Monáe in "Knives Out 2", il film che dovrebbe uscire nelle sale e su Netflix nell’autunno 2022.

Spettacolo: Per te