Benjamin Mascolo, dopo la lettera a Federico Rossi post scioglimento dure reazioni social

Spettacolo

Camilla Sernagiotto

©Getty

Benji ha dedicato all'ex socio e collega Fede parole molto dolci in una delle sue Instagram Stories. Una lettera a cuore aperto che tuttavia ha scatenato tante reazioni negative e commenti poco lusinghieri, relativi principalmente a una presunta "ambiguità" delle parole di cui è composta la missiva

Benjamin Mascolo ha voluto dedicare una lettera al collega Federico Rossi, ancora un suo grandissimo amico dopo (e nonostante) lo scioglimento del loro duo.
In una delle sue Instagram Stories, il cantante ha rivolto all'ex socio parole molto dolci e profonde. Tuttavia una pioggia di reazioni dure e di commenti poco lusinghieri ha letteralmente travolto l'artista.

Il motivo? Innanzitutto perché stiamo parlando della rete, vera e propria ragnatela ghiotta di vittime per "ragni da tastiera" (rimanendo in tema aracno-metafora). Dopodiché perché alcuni vedrebbero una sorta di ambiguità nelle parole di cui la missiva è composta.

“Ciao bro. Da quando abbiamo messo un punto a capo alla nostra relazione artistica, mi sono fatto sentire sempre meno e ti ho pensato meno di quanto tu meritassi. Stasera nel letto accanto a mia moglie, a cui dedico tutte le attenzioni, finalmente ne ho tenuta e costudita una speciale solo per te. Lei ti ama e io amo te. Lei comprende il legame che ci unisce come fratelli", queste le parole del messaggio a cuore aperto firmato Benji.

E fin qui tutto bene. Ma poi il cantante 28enne ha proseguito, inoltrandosi della giungla di hater lungo la rete-ragnatela...

“Caro Fede, sono veramente arrabbiato con te. Una persona a me cara, di cui mi fido, mi ha detto ‘lui è geloso di te’. Ha ragione. Ma ti sei visto? Ma ti sei sentito? E le canzoni che hai suonato sul tuo telefono… te lo devo dire io? Sei un artista incredibile. E manco lo sai. Manco te ne rendi conto. La gente non ne ha idea di cosa sei in grado di fare. La prossima volta che sei geloso di me ti tiro uno schiaffo. Perché io sono geloso di te ogni giorno. Del talento incredibile che hai. I fan veri lo sanno perché ci amano e vogliono solo il meglio per noi. Brother lo giuro su Dio. Se non credi in te stesso e nella tua musica ti costringo io a crederci con la forza", questa la seconda puntata della "soap opera".

Ma non c'è due senza tre, e infatti Benjamin ha continuato con un nuovo messaggio.

“Finché sarò vivo ti darò tutto. Anche se domani mi sveglierò e leggerò i tuoi messaggi dicendo ‘sei pazzo’. Godrò dei tuoi successi. Le tue canzoni saranno cinque volte disco di platino. Per me, nel mio cuore, lo sono già (mi riferisco a quelle chi mi hai fatto sentire di nascosto e che devono ancora uscire). Se queste stories fanno un milione di views, questa settimana vai in studio e registri la canzone che so io e la pubblichi entro fine mese. Non pubblicherò più stories da adesso finché non esce la canzone di Fede".

La risposta di Fede

approfondimento

Benji e Fede all’Arena di Verona: la recensione dell’ultimo concerto

Le parole di Benjamin pubblicate nelle sue Stories traboccano affetto e stima, almeno così sembrerebbe. Eppure c'è sempre chi vede del marcio in Danimarca e non solo in quella: gli haters vedono l'odio che gli fuoriesce dagli occhi ovunque posino lo sguardo... Fede invece non ha minimamente trovato offensive, ambigue o poco corrette le parole del collega, infatti la risposta con cui lo ringrazia non si è fatta attendere.

"Ti voglio bene fratello mio. Diciamo che tutto mi aspettavo tranne che di leggere tutto questo. Ma siamo un po’ pazzi e questo ci ha sempre accomunati. Geloso di te lo sono e lo sarò sempre, ma solo perché non siamo più fianco a fianco come prima. Il nostro rapporto si è elevato rispetto a quando eravamo ‘Benji e Fede’ artisticamente. Ora ci lasciamo andare davvero, ma c’è voluto tempo per cambiare abitudini. Detto ciò, più tardi, mi iperbolerò anche io in discorsi pindarici, dato che quando c’è da farsi viaggi assurdi parto sempre per primo. Tvb. A dopo. E comunque tranquillo. Sono conscio di star dando il massimo come scrittura, mi basta questo. Sarà un bel percorso, ne sono certo", queste le parole di Federico Rossi.

Le reazioni degli haters

approfondimento

Benjamin Mascolo, in arrivo il documentario "Ben: Respira"

Molti fan di Benji e Fede sono rimasti confusi dalle parole del primo perché facevano pensare quasi a una sorta di diatriba di cui loro non sapevano nulla. In verità Benji voleva soltanto spronare il suo caro amico affinché desse il massimo a livello artistico e infatti la risposta di Federico Rossi ha fugato ogni dubbio.

Ogni dubbio delle persone raziocinanti, s'intende. Perché in rete esiste poi un folto stuolo di persone meno raziocinanti la cui mission è esclusivamente quella di alimentare l'odio.
Alcuni utenti sul web hanno incominciato a deridere pesantemente Benjamin Mascolo, perfino a offenderlo sui social network. Questi commenti molto violenti e duri hanno spinto il cantante a rivelare su Twitter di essere stato definito pazzo e drogato.

Pare che abbia ricevuto anche diversi insulti omofobi, probabilmente per quel "ti amo" rivolto all'amico.

"Non è innaturale avere un orientamento sessuale diverso, come non bisogna vergognarsi di dire a un amico o un fratello TI AMO senza per forza esserne attratti sessualmente", ha voluto sottolineare Mascolo.

“Sono stato chiamato 'pazzo', 'drogato', 'scoppiato' e mille altre cose nelle ultime 24 ore, ma non mi sono mai offeso. Anzi, li prendo come complimenti. Perché sono diverso. Perché sono vivo. With Love, Ben“, ha affermato sul proprio profilo Twitter Benjamin, mettendo a tacere tutti i leoni da tastiera. Chissà se sarà finalmente finita questa "soap opera" (anche se più che soap qui si parla di soda caustica).

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.