Britney Spears, niente udienza anticipata: la star rimane sotto la tutela del padre

Spettacolo
Getty/Ipa

La Corte di Los Angeles ha respinto un’istanza in cui l’avvocato della cantante chiedeva di spostare dal 29 settembre al 23 agosto la data della decisione sulla tutela legale di Jamie Spears, o in alternativa di rimuoverlo il prima possibile. Secondo il legale, il controllo da parte del padre “continua a danneggiare emozionalmente, psicologicamente e finanziariamente” la pop star

Britney Spears dovrà aspettare ancora per sapere se riavrà o meno la sua libertà. La Corte di Los Angeles ha respinto un’istanza in cui l’avvocato della cantante, Mathew Rosengart, chiedeva di anticipare - dal 29 settembre al 23 agosto - l’udienza sulla conservatorship del padre Jamie Spears, o in alternativa di rimuoverlo il prima possibile dal suo ruolo di tutore legale (BRITNEY SPEARS E LA TUTELA DEL PADRE: COS'È SUCCESSO).

La prossima udienza il 29 settembre

leggi anche

Free Britney, Cher risponde al messaggio della popstar

Secondo l’istanza, riporta la Cnn, il controllo da parte del padre “continua a danneggiare emozionalmente, psicologicamente e finanziariamente” la cantante, e la sua rimozione dal ruolo di tutore sarebbe fondamentale sia per il benessere della cantante sia per un’indagine sull’uso che l’uomo fa dei soldi della figlia. La questione, dopo il rigetto della corte di Los Angeles, è rimandata all’udienza del 29 settembre. Fino a quella data Jamie Spears continuerà a gestire la vita della star, e il suo patrimonio, come fa dal 2008, da quando un giudice aveva deciso che la cantante non fosse in grado di badare a se stessa.

Il racconto della pop star e il movimento Free Britney

leggi anche

Britney Spears: "Mai più su un palco finché mio padre mi controllerà"

Nelle precedenti udienze la pop star aveva raccontato in lacrime la sua condizione di “prigioniera” del padre, dicendo di non essere libera neanche di andare da sola dal ginecologo o di uscire con il suo fidanzato. "Se non sono in grado di essere autonoma - aveva aggiunto - allora non sono neanche in grado di cantare". Il suo ex agente aveva parlato di imminente ritiro dalle scene per l'artista, notizia mai confermata. Lo sfogo della cantante aveva suscitato emozione tra i fans e tra i colleghi, che hanno protestato sui social e per le strade invocando la sua libertà e unendosi nel movimento Free Britney.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.