Teatro alla Scala, dopo il focolaio si lavora per "salvare" la Prima del 7 dicembre

Spettacolo

Le 27 positività dei giorni scorsi hanno portato a rivedere i protocolli: da lunedì le prove potrebbero riprendere con nuove misure di sicurezza

Dopo le 27 positività riscontrate negli ultimi giorni all'interno dell'orchestra (solo due casi sintomatici, fortunatamente), il Teatro alla Scala di Milano ha deciso di modificare i protocolli interni nel tentativo di “salvare” la prima del 7 dicembre, che quest'anno vedrà in scena la Lucia di Lammermoor di Donizetti. (SPECIALE CORONAVIRUS)

approfondimento

Teatro alla Scala, i positivi salgono a 27. Orchestra in quarantena

Secondo l'AGI il Teatro cercherà di riprendere le prove interrotte a partire da lunedì prossimo, termine della quarantena imposta ieri dalle autorità sanitarie, magari cercando di comprimere e accorpare più turni di prove per ridurre il tempo di permanenza all'interno del teatro. Saranno inoltre eliminate le pause e sarà impedito di sostare nei camerini, in attesa di maggiori chiarimenti su eventuali lockdown milanesi o prolungamenti dell'attuale situazione: l'attuale ordinanza regionale chiude i teatri solo fino al 24 novembre, rendendo quindi possibile al momento lo spettacolo teoricamente anche in presenza di pubblico.

Spettacolo: Per te

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24