Demi Lovato, un nuovo tatuaggio per festeggiare i sei mesi di sobrietà

Inserire immagine
@Getty Images

La cantante ha scelto di farsi imprimere sull’indice della mano sinistra un bocciolo di rosa , simbolo di speranza e di rinascita

Demi Lovato, la vita difficile Demi Lovato, le canzoni più celebri

A parte qualche eccezione, che si fa guidare dalla bellezza del disegno fine a sé stessa, la maggior parte delle persone sceglie di tatuarsi per suggellare un ricordo, una sensazione, un momento della propria vita con la precisa intenzione di portarselo addosso per il resto dei giorni. Non fanno eccezione, in questo, neppure i personaggi famosi, tra cui la cantante Demi Lovato, che si è fatta imprimere sull’indice della mano sinistra un bocciolo di rosa, simbolo di speranza e di rinascita, per celebrare i suoi sei mesi di sobrietà, dopo l’overdose dello scorso luglio.

L’overdose e il ricovero in ospedale


Allora, ritrovata in stato di incoscienza nella sua casa a Hollywood Hills, Lovato era stata trasportata d’urgenza al pronto soccorso di Los Angeles, dove i medici le avevano somministrato il Narcan, medicinale utilizzato per contrastare l’effetto degli oppiodi. Per questo, in un primo momento si era pensato a un’overdose di eroina, ma l’ipotesi era stata subito smentita dal portavoce della popstar. “Demi è sveglia e con accanto la sua famiglia, che vuole ringraziare tutti per l’amore, le preghiere e il sostegno” aveva scritto in una nota ufficiale il collaboratore della cantante, sottolineando l’infondatezza di alcune informazioni riportate. “Chiediamo rispettosamente privacy e di evitare speculazioni, poiché la sua salute e il suo recupero sono la cosa più importante in questo momento”.

L’uscita dalla clinica e il primo post su Instagram


Successivamente, dopo due settimane di ricovero, Lovato, una volta uscita dall’ospedale, decide di ringraziare medici e fan con un post su Instagram. “Sono sempre stata trasparente riguardo il mio percorso con le dipendenze e quello che ho imparato è che questo è un male che non sparisce o si attenua col tempo. È qualcosa che devo continuare a combattere e non l’ho ancora fatto” ammette la popstar, ringraziando - oltre alla famiglia, i collaboratori e lo staff del Cedars-Sinai - Dio per averla tenuta in vita. “Ai miei fan, sarò per sempre grata per il vostro amore e supporto durante le passate settimane e per il tempo a venire. I vostri pensieri positivi e le vostre preghiere mi hanno aiutato a superare questo momento difficile. Adesso ho bisogno di guarire e di focalizzarmi sulla mia sobrietà e sulla strada per il recupero. L’amore che tutti voi mi avete dato non sarà mai dimenticato e non vedo l’ora che arrivi il giorno in cui potrò dire di esserne finalmente uscita. Continuerò a combattere”.