Ricerca spaziale: il Congresso USA decide su nuovi finanziamenti

1' di lettura

Gli scienziati illustrano ai Senatori l’importanza della ricerca di vite extraterrestri; la NASA vorrebbe lanciare nuove ricerche che ispirino i giovani

Il comitato del Senato sul commercio, la scienza e i trasporti sta tenendo una serie di audizioni con lo scopo di ottenere una legge che possa permettere alla NASA di fissare nuovi obiettivi e di avere i giusti finanziamenti per realizzarli. Mercoledì 1 agosto 2018, gli scienziati delle università statunitensi hanno, infatti, risposto alle domande dei senatori, illustrando a questi ultimi le ragioni dell’importanza di un finanziamento, da parte del Congresso, per promuovere la scoperta di possibili vite extraterrestri.

Una delle domande più grandi dell’umanità

Thomas Zurbuchen, amministratore associato della NASA per la Direzione della missione scientifica, ha spiegato al comitato del Senato che è di fondamentale rilievo che le grandi nazioni diano un supporto al fine di promuovere nuove scoperte che possano lasciare un segno. È giunta quindi l’ora, secondo Zurbuchen, di impegnarsi attivamente per dare una risposta definitiva a una delle più grandi domande di tutta l’umanità. Durante le audizioni, alcuni ricercatori hanno fatto leva sull’innovazione e sul progresso dell’economia, che potrebbero derivare dal perseguimento di questioni particolarmente complesse. Già in passato, per esempio, la tecnologia GPS, fu scoperta dagli scienziati per poi diffondersi in tutto il mondo, portando a un grande incremento nell’economia e nell’innovazione. “La maggior parte degli ingegneri senior che opera nelle scienze civili, nella difesa nazionale o nella sicurezza nazionale, sono stati ispirati dagli sbarchi sulla luna”, ha spiegato alla commissione Sara Seager, professoressa di fisica e scienze planetarie del MIT: “Oggi, è giusto che i giovani si facciano ispirare dalla ricerca della vita oltre la Terra”. Lo studio degli alieni è infatti un argomento in grado di coinvolgere soprattutto le nuove generazioni e di spingerle a entrare nel mondo della ricerca.

Cina possibile futuro avversario

L’astronomo di Princeton, David Spergel, ha invece argomentato la richiesta di finanziamenti cercando di convincere i Senatori puntando sull’importanza del mantenimento della leadership internazionale nella scienza spaziale.
Nonostante gli Stati Uniti siano ancora in cima alla classifica, i programmi spaziali europei e cinesi stanno, negli ultimi anni, recuperando sempre più terreno. È inoltre fondamentare, come spiega Ellen Stofan, direttore dello Smithsonian National Air and Space Museum, osservare e analizzare i climi di altri pianeti per riuscire a scoprire nuove dinamiche terrestri. Le tesi sostenute dai ricercatori chiamati ad argomentare la richiesta di finanziamenti pare abbiano trovato ascolto all’interno dei gruppi di senatori americani: molti di costoro, infatti, hanno reputato valide le motivazioni espresse dagli scienziati. Prossimamente l’iter legislativo entrerà nel vivo. La Cina, con i suoi propositi di sorpasso sulla ricerca spaziale a stelle e strisce, è avvisata.

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"