Gli scienziati hanno sequenziato il DNA di un mammut di 1 milione di anni fa

Scienze

La sequenza genetica è stata estratta dai denti di uno di questi mammiferi preistorici, mostrando il loro lento adattamento al freddo e l'esistenza di una specie mai identificata prima. Il risultato è pubblicato sulla rivista Nature da un gruppo di ricercatori internazionali guidato dal Centro di paleogenetica dell'Università di Stoccolma

Risale a oltre un milione di anni fa il Dna più antico mai sequenziato: estratto da denti di mammut conservati nel permafrost siberiano, rivela l'evoluzione di questi mammiferi preistorici, mostrando il loro lento adattamento al freddo e indicando l'esistenza di una specie misteriosa, mai identificata prima d'ora. Il risultato è pubblicato sulla rivista Nature da un gruppo di ricercatori internazionali, guidato dal Centro di paleogenetica dell'Università di Stoccolma.

Incredibile salto nel passato

Gli scienziati hanno preso in esame il Dna prelevato dai molari di tre esemplari di mammut: il più recente risale a 870.000 anni fa, mentre i due più antichi sarebbero vissuti rispettivamente 1,65 e 1,34 milioni di anni fa. "I campioni sono mille volte più antichi dei resti dei vichinghi e sono addirittura precedenti alla comparsa degli umani e dei Neanderthal", precisa l'esperto di genetica evolutiva, Love Dalén. Analizzarli è stato come fare un incredibile tuffo nel passato, considerato che finora il Dna più antico sequenziato era quello di un cavallo vissuto tra 560.000 e 780.000 anni fa.

La scoperta attraverso i denti

approfondimento

A caccia di mammut, ippopotami e tigri sull'Appennino

L'estrazione del materiale genetico dai denti di mammut non è stata facile: nei campioni erano infatti presenti solo piccole quantità di Dna, degradato in minuscoli frammenti. Il mammut più antico è chiamato "Krestovka" dal nome della località in cui è stato trovato e potrebbe, infatti, appartenere a una linea evolutiva sconosciuta che sarebbe convissuta con i mammut delle steppe, finora considerati gli unici esistenti in quel periodo in Siberia. I misteriosi mammiferi preistorici avrebbero perfino colonizzato il Nord America 1,5 milioni di anni fa: dall'incrocio coi mammut lanosi sarebbero poi nati i mammut columbiani. Un altro elemento interessante emerge dalle analisi sul secondo esemplare di mammut più antico, chiamato "Adycha": era un antenato del mammut lanoso e nel genoma presentava già i geni necessari per sopravvivere al rigido clima dell'Artico, un adattamento che, dunque, si sarebbe sviluppato gradualmente nel tempo.

Scienze: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24