La ricerca: i ricordi della prima infanzia non vengono cancellati

Scienze
GettyImages-mri_cervello

Secondo un nuovo studio dell'Università di Toronto sarebbero solo "sepolti" nella memoria. Nel corso degli esperimenti condotti sui topi, infatti, è stato possibile farli riemergere tramite stimolazione nervosa

I ricordi della prima infanzia potrebbero non essere del tutto perduti, ma solo "sepolti" all'interno della nostra memoria. A suggerirlo è un nuovo studio dell'Università di Toronto pubblicato sulla rivista Current Biology. I ricercatori canadesi hanno condotto dei test sui topi, che presenterebbero la stessa 'amnesia infantile' degli esseri umani, riuscendo a far riemergere i ricordi dei roditori attraverso la stimolazione nervosa ad hoc.

I test sui topi

Nel corso degli esperimenti, i ricercatori canadesi hanno insegnato ai topi ad associare il ricordo di una piccola scossa elettrica a uno specifico luogo, nella fattispecie una scatola. Solitamente, i roditori perdono questa memoria dopo circa una settimana. I test sono stati ripetuti, in seguito, tenendo traccia dei neuroni coinvolti nell'apprendimento di questa associazione. Dalle registrazioni è emerso che si trovavano tutti nell'area dell'ippocampo. Diverse settimane dopo, a ricordo teoricamente ormai sparito, i neuroni sono stati stimolati nuovamente e, in circa il 70% dei casi, i topi hanno mostrato di ricordare l'associazione tra luogo e scarica elettrica.

Ricordi nascosti

Gli autori dello studio spiegano che, nel momento in cui si cerca di far riaffiorare il ricordo più vecchio possibile, solitamente ci si ferma a quattro o cinque anni. Tuttavia, come si legge nell'articolo, i primi ricordi d'infanzia non verrebbero completamente dimenticati o cancellati dal cervello. I risultati dei test condotti sui topi, infatti, dimostrano che potrebbe essere possibile farli riemergere attraverso una stimolazione diretta. I ricercatori ritengono, inoltre, che la perdita di memoria sia solo un aspetto del fenomeno dell'amnesia infantile, che potrebbe essere legato anche a problemi di archiviazione.

Scienze: I più letti