Gli asteroidi "risvegliarono" la Terra 4 miliardi di anni fa

Secondo un nuovo studio, il movimento di placche tettoniche che ha dato origine a continenti e oceani sarebbe stato innescato da una pioggia di asteroidi (foto d'archivio, Getty Images)
2' di lettura

Secondo un nuovo studio dell'Università di Macquarie in Australia, a innescare la tettonica delle placche da cui hanno avuto origine oceani e continenti sarebbe stata una pioggia di corpi celesti

Il movimento di placche tettoniche da cui hanno avuto origine i continenti e gli oceani del nostro pianeta sarebbe stato innescato da una pioggia di asteroidi. A proporre questa teoria è un nuovo studio condotto da un gruppo di ricercatori internazionali coordinati dall'Università di Macquarie in Australia e pubblicato su "Nature Geoscience". L’ipotesi ha alimentato il dibattito nel mondo accademico con chi ritiene, invece, che la tettonica delle placche fosse già attiva.

All'origine della Terra

La Terra, oltre 4 miliardi di anni fa, appariva come un’enorme distesa di magma incandescente. Le temperature erano per questo molto elevate e il processo di raffreddamento e solidificazione del mantello terrestre avrebbe richiesto tempi molto lunghi. Il nostro Pianeta si trovava in uno stato di relativa quiete poiché la tettonica delle placche, il movimento da cui hanno avuto origine continenti e oceani, non era ancora iniziata. Le dinamiche geologiche che hanno modellato il nostro pianeta avrebbero avuto luogo per l’effetto combinato di elevate temperature e pressioni che avrebbero mosso l’insieme delle placche tettoniche che componevano la superficie terrestre. Questo sarebbe anche il motivo per cui, nel corso della storia della Terra, l’estensione e la forma di oceani e continenti avrebbero subito importanti trasformazioni. Il team di ricerca internazionale, però, avrebbe individuato delle prove - come i grani di zirconio, i più antichi materiali geologici mai trovati - di una spiegazione alternativa: sarebbero stati infatti violenti impatti di asteroidi ad aver innescato il movimento della tettonica delle placche così come lo conosciamo attualmente. E questo molto prima che la superficie del pianeta si raffreddasse.

Le teorie alternative

Il nuovo studio australiano ha alimentato il dibattito nel mondo accademico. Secondo il Presidente dell'Istituto nazionale di Geofisica e vulcanologia, Carlo Doglioni, la tettonica delle placche sarebbe stata attiva fin da subito, già durante l’epoca dell’Adeano. A supporto di questa spiegazione, Doglioni cita delle evidenze di frammenti di crosta oceanica rimasti intrappolati in rocce continentali. Queste rocce dette ofiolitiche ritrovate in Groenlandia dimostrerebbero, secondo l’esperto, che la tettonica delle placche era già attiva almeno 3,8 miliardi di anni fa. Al contrario, secondo il presidente, sarebbe difficile dimostrare che un forte bombardamento meteoritico abbia innescato la tettonica a placche.

Leggi tutto
Prossimo articolo