Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Autismo, un eccesso di ormoni femminili nell’utero una possibile causa

I titoli di Sky Tg24 delle ore 8 del 29/7

2' di lettura

Troppi estrogeni nell’utero materno potrebbero aumentare il rischio di autismo per il nascituro. Lo suggerisce uno studio condotto presso l’Università di Cambridge 

Troppi estrogeni, i principali ormoni sessuali femminili, nell’utero della mamma potrebbero aumentare il rischio di autismo per il nascituro. Lo suggerisce uno studio coordinato dal team coordinato da Simon Baron-Cohen, direttore del centro di ricerca sull'Autismo presso l’Università di Cambridge e pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry. La scoperta aggiunge ulteriori prove a sostegno della teoria degli steroidi sessuali prenatali proposta per la prima volta 20 anni fa.

Uno studio articolato

Lo studio parte da lontano. Già nel 2015, un team di scienziati dell'Università di Cambridge e dello State Serum Institute in Danimarca hanno misurato i livelli di quattro ormoni steroidei prenatali nel liquido amniotico nell'utero e hanno scoperto che c’erano livelli più alti nei feti maschi che in seguito hanno sviluppato l'autismo. Questi ormoni, in media, sono prodotti in quantità più elevate nei maschi piuttosto che nei feti femminili, quindi questa scoperta potrebbe anche spiegare perché l'autismo si verifica maggiormente nei maschi. Oggi, gli stessi scienziati hanno rafforzato le loro scoperte precedenti testando i campioni di liquido amniotico dagli stessi 98 individui campionati dalla biobanca danese, che ha raccolto campioni amniotici da oltre 100.000 gravidanze, ma questa volta guardando un altro set di ormoni steroidei sessuali prenatali, chiamati estrogeni.

Ormoni steroidei e genetica tra le cause

Il professor Simon Baron-Cohen, che per primo ha proposto la teoria prenatale degli steroidi sessuali dell'autismo, ha commentato così lo studio: “Questa nuova scoperta supporta l'idea che un aumento degli ormoni steroidei prenatali sia una delle potenziali cause della condizione dell’autismo. Questi ormoni probabilmente interagiscono con fattori genetici per influenzare lo sviluppo del cervello fetale". Tale quantità elevata di ormoni, dicono gli studiosi, potrebbero provenire dalla madre, dal bambino o dalla placenta. Il prossimo passo previsto sarà quello di studiare tutte queste possibili fonti e il modo in cui interagiscono durante la gravidanza. La dottoressa Alexa Pohl, che è stata parte integrante del team di lavoro, ha definito lo studio “entusiasmante perché il ruolo degli estrogeni nell'autismo è da poco stato studiato e così facendo speriamo di poter imparare di più su come contribuiscono allo sviluppo del cervello fetale in ulteriori esperimenti. Bisogan ancora verificare, infatti, se lo stesso risultato è confermato nelle femmine autistiche ", ha detto. Tuttavia, il team di Cambridge ha sottolineato come questi risultati non possano e non debbano essere utilizzati per lo screening dell'autismo. "Siamo interessati a comprendere l'autismo, non a prevenirlo", ha precisato il professor Baron-Cohen.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"