Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Leucemia, quali sono i sintomi e come si cura

I titoli di Sky Tg24 delle ore 18 del 14/07

4' di lettura

Il termine leucemia indica una serie di malattie in cui si ha una proliferazione incontrollata di alcune cellule staminali. Ecco cosa c’è da sapere

Con il termine leucemia si indicano una serie di malattie in cui si ha una proliferazione incontrollata di alcune cellule staminali, che - come spiega il sito dell’Airc, la Fondazione per la ricerca sul cancro - interferiscono con la crescita e lo sviluppo delle normali cellule del sangue. In base ai dati forniti da Airtum (Associazione Italiana Registri Tumori), nel nostro Paese le forme più frequenti sono la linfatica cronica (33,5 per cento del totale), la mieloide acuta (26,4 per cento), la mieloide cronica (14,1 per cento) e la linfatica acuta (9,5 per cento). Proprio la forma di leucemia acuta è quella che ha colpito Sinisa Mihajlovic, allenatore del Bologna calcio, come lui stesso ha annunciato in conferenza stampa il 13 luglio 2019 (L'intervento del medico del Bologna). 

I sintomi

La leucemia cronica può anche non dare sintomi nelle fasi iniziali, perché le cellule leucemiche interferiscono limitatamente con le funzioni delle altre cellule. Invece nella leucemia acuta i sintomi si presentano precocemente e possono peggiorare con rapidità. Le cellule leucemiche, al pari delle altre cellule presenti nel sangue, si spostano all'interno dell’organismo. Questi spostamenti possono essere la causa di diversi sintomi, come ad esempio febbre, sudorazioni notturne, stanchezza e affaticamento, mal di testa, dolori ossei e articolari, perdita di peso, pallore, suscettibilità alle infezioni, facilità al sanguinamento oppure ingrossamento della milza e dei linfonodi. Può anche accadere che l’eccessivo numero di globuli bianchi anomali possa infiltrare anche organi (lo stomaco, l'intestino, i reni, i polmoni) o il sistema nervoso dando sintomi specifici che indicano un cattivo funzionamento dell'organo coinvolto. Il sito dell’Airc precisa che “tutti questi sintomi non sono sicuri segni di leucemia, perché sono comuni a molte altre malattie; occorre quindi rivolgersi al medico per approfondire la natura di eventuali disturbi”.

Come si cura

Secondo il rapporto “I numeri del cancro” di Aiom nel 2018 sono stati circa novemila i casi di leucemia diagnosticati in Italia, di cui cinquemila negli uomini. La sopravvivenza per le leucemie è intorno al 70% nella fascia fino a 54 anni. Le terapie variano a seconda del tipo, e vanno dalla chemioterapia all'utilizzo dei nuovi farmaci biologici fino al trapianto di midollo.  La terapia dipende anche dallo stadio della leucemia e dal fatto che la malattia sia in fase acuta o cronica. Importante è anche l'età al momento della diagnosi. "In questo momento le leucemie e i linfomi sono tra i tumori più curabili - spiega l’oncologo Carmine Pinto, già presidente dell'Associazione Italiana di Oncologia Medica - e molte delle terapie a disposizione mirano alla guarigione completa. È fondamentale anche la buona condizione fisica del paziente, insieme a tutta una serie di terapie di supporto, ad esempio di tipo nutrizionale. Il tempo necessario per le cure varia a seconda del tipo di leucemia, e dipende dal tipo di terapia". Il trattamento delle leucemie si avvale spesso dell'utilizzo di più terapie in combinazione o in sequenza. Dalla chemioterapia, che prevede la somministrazione di uno o più farmaci per bocca o per via endovenosa, a terapie che stimolano il sistema immunitario a riconoscere e a distruggere le cellule leucemiche. In alcuni casi si ricorre al trapianto di cellule staminali emopoietiche per sostituire le cellule malate, distrutte con alte dosi di chemio o radioterapia, con quelle sane di un donatore compatibile.

L'oncologo: "Fondamentale un atteggiamento positivo"

"Un atteggiamento positivo è fondamentale per affrontare le terapie - sottolinea Pinto - e va di pari passo con l' ‘alleanza' che la struttura dove ci si cura deve avere con il paziente, il cosiddetto engagement, per cui il paziente si fida dei medici e affronta la malattia senza abbattersi", conclude.

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"