Cani e gatti, in casa arriva un cucciolo: le regole da rispettare

Salute e Benessere

Sergio Bottino, Coordinatore dei servizi extra-veterinari di Ca’Zampa, ha stilato nove regole che possono fornire un valido aiuto a chi sta per accogliere un cucciolo nella propria vita o ha iniziato da poco ad accudirne uno 

Accogliere un cucciolo nella propria casa è sempre un’esperienza emozionante: da piccoli, i cani e i gatti sono molto teneri, e ogni occasione è buona per coccolarli, giocare con loro o semplicemente godersi la loro compagnia. Per gestire nel migliore dei modi la convivenza col nuovo amico a quattro zampe è importante capire fin da subito come prendersene cura nel migliore dei modi e quali solo gli accorgimenti migliori per evitare i problemi più frequenti. Sergio Bottino, Coordinatore dei servizi extra-veterinari di Ca’Zampa, ha stilato nove regole che possono fornire un valido aiuto a chi sta per accogliere un cucciolo nella propria vita o ha iniziato da poco ad accudirne uno.

Valutare il contesto famigliare

Prima di scegliere un cane o un gatto è importante informarsi su quali solo le caratteristiche e le esigenze di ogni razza, per capire quali possono adattarsi meglio allo stile di vita e alle necessità dei membri della famiglia. Seguire i consigli di un esperto in comportamento animale può aiutare a trovare con facilità l’amico a quattro a zampe più adatto al proprio nucleo famigliare. È dunque importante evitare di scegliere il nuovo cucciolo solo in base alle sue caratteristiche estetiche.

Verificare la provenienza del cucciolo

In base a quanto previsto dalla legge, è opportuno verificare la provenienza del cucciolo che si desidera acquistare/adottare prima di accoglierlo nella propria casa e assicurarsi che abbia almeno 60 giorni di età. Inoltre, è importante accertarsi che l’animale sia stato sottoposto alle vaccinazioni preventive rispetto ai principali rischi virali. Il cucciolo deve essere anche accompagnato da un certificato di buona salute. Per i cani è obbligatorio il microchip, mentre per i gatti è ancora facoltativo.

Preparare la casa all’arrivo del cucciolo

Nei giorni precedenti all’arrivo del nuovo amico a quattro zampe è importante acquistare alcuni oggetti utili da introdurre nella propria abitazione. In generale, è bene comprare almeno una cuccia e due ciotole, una per l’acqua e una per il cibo. Nel caso dei cani è necessario dotarsi anche di un collare per le passeggiate e di una museruola (la legge prevede che i proprietari la portino sempre con sé durante le uscite col proprio cucciolo). In vista dell’arrivo di un gatto, invece, è bene dotarsi di lettiere, cuccette e tiragraffi.

Fare la giusta scelta alimentare

L’alimentazione del cucciolo è importantissima e non deve essere presa sottogamba. Se si opta per del cibo industriale, secco o umido, è essenziale leggere l’etichetta e assicurarsi che sia adatto alle esigenze di un cane o un gatto giovanissimo. Di solito, i prodotti di maggiore qualità hanno come primo ingrediente una fonte proteica animale. Se si preferisce preparare in casa il cibo per il cucciolo bisogna rivolgersi a un esperto in nutrizione per bilanciare l’integrazione alimentare con i corretti elementi che possano sostenere una crescita sana. È anche importante organizzarsi per essere sicuri che l’animale riesca a nutrirsi tre volte al giorno.

Scegliere i giochi più adatti

Per facilitare il periodo della dentizione, può essere utile acquistare dei giochi per il proprio cucciolo. È però importante evitare i prodotti in plastica che possono lesionare le sottili pareti con materiali che risultano duri e taglienti e dunque lesivi dell’intero apparato digerente.

Preparare la cuccia

Il luogo in cui posizionare la cuccia deve essere scelto con attenzione: all’esterno deve essere piazzata in uno spazio coperto dal sole e riparato in inverno, mentre all’interno è bene collocarla in una zona facilmente accessibile. Coccolare il cucciolo all’interno della cuccia può aiutarlo ad abitarsi al nuovo ambiente. È anche consigliabile dare un piccolo osso da rosicchiare all’amico a quattro zampe, in modo da stimolare l’attività masticatoria. Per abituare invece il cucciolo a una cuccia esterna, è necessario sceglierne una grande e comoda, al cui interno sistemare una ciotola d’acqua e somministrare il cibo, così che l’animale cominci a identificare questo ambiente come una sua zona di comfort.

Abituarlo a dormire da solo

Per abituare il cucciolo a dormire da solo, è importante lasciarlo di notte in un ambiente conosciuto, con la sua cuccia di stoffa e la ciotola dell’acqua. È essenziale cercare di non lasciarsi impietosire dalle eventuali lamentele dell’amico a quattro zampe: solo in questo modo l’animale potrà sviluppare nel tempo una corretta individualità, senza dipendere sempre dall’uomo.

Le prime passeggiate

Durante le prime settimane, è importante portare spesso a spasso il cucciolo, almeno 5 o 6 volte al giorno, per permettergli di muoversi a sufficienza e per abituarlo a fare i propri bisogni fuori dall’ambiente domestico.

Educarlo a fare i bisogni nei momenti e negli spazi corretti

Per gestire con maggiore facilità le uscite, è bene abituare il cucciolo a un regime alimentare corretto in orari regolari. In condizioni normali, il cucciolo sente il bisogno di fare i propri bisogni subito dopo aver mangiato ed è dunque importante portarlo all’esterno dell’ambiente domestico dopo ogni pasto. Nel corso del tempo, l’animale imparerà a sporcare solo fuori dall’appartamento e a trattenere i bisogni più a lungo. Per capire quando il cucciolo ha bisogno di liberarsi, i proprietari non devono fare altro che prestare attenzione a eventuali segni di irrequietezza, come la tendenza ad annusare insistentemente a terra. 

Salute e benessere: Più letti