Sciopero medici e sanitari, in piazza a Roma il 15 dicembre per difendere Ssn

Salute e Benessere
©Ansa

La manifestazione è prevista a Roma, il 15 settembre, in piazza S.s. Apostoli dalle ore 14.00. Lo sciopero è indetto contro il "definanziamento ulteriore della sanità pubblica", e in difesa del Sistema sanitario nazionale

ascolta articolo

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato

 

In Italia le organizzazioni sindacali dei medici, veterinari e dirigenti sanitari hanno indetto uno sciopero contro il "definanziamento ulteriore della sanità pubblica", e in difesa del Sistema sanitario nazionale. Una situazione simile a quella del Regno Unito, dove un primo sciopero è stato indetto proprio il 15 dicembre per chiedere un adeguamento salariale a fronte all'inflazione record, e per un adeguamento delle condizioni di lavoro. A renderlo noto è stata l'intersindacale medica.

Parola ai sindacati

approfondimento

Regno Unito, fissate le date dello sciopero nazionale degli infermieri

 

"Chiediamo che la legge di bilancio 2023 destini risorse reali alla salute dei cittadini; aumenti le assunzioni di personale medico, veterinario e sanitario, per migliorare le condizioni di lavoro all'interno degli ospedali e dei presidi; incrementi le retribuzioni del personale, oggi al terz'ultimo posto in Europa", hanno affermato i sindacati. Quest’ultimi chiedono che la nuova legge di bilancio "renda accessibili a tutti i cittadini le prestazioni sanitarie appropriate contro l’allungamento delle liste d’attesa e i viaggi della speranza". Al governo e alle Regioni viene chiesto inoltre "l’immediata apertura del tavolo per il rinnovo di un CCNL sequestrato nelle stanze ministeriali; l’allineamento della spesa sanitaria pubblica alla media dei paesi europei e la depenalizzazione dell'atto medico, riconsiderandolo autonomo scientifico e libero da ideologie".

La categoria pronta allo sciopero

 

Nel comunicato si legge che sono pronti a fare "la loro parte facendo ricorso a tutti gli strumenti disponibili, i 130mila professionisti" che il sindacato rappresenta. Lo sciopero, si legge ancora, è contro: "il definanziamento ulteriore della sanità pubblica previsto nei prossimi anni, che porterà molti cittadini a dover pagare di proprio pugno le cure; le briciole concesse dalla legge di bilancio 2023 al personale della sanità pubblica; il disinteresse della politica nei confronti degli 'angeli' e degli 'eroi' che hanno evitato al Paese una caporetto sanitaria ed economica; l’assenza di un piano programmatico di riforma e di rilancio complessivo del Ssn da parte delle forze politiche che superi la spinta alla privatizzazione; la regionalizzazione delle cure e la creazione del nuovo mercato sanitario tra nord e sud, e il silenzio istituzionale di fronte alla richiesta di confronto con le rappresentanze sindacali dei professionisti su cui si regge il Ssn". La manifestazione è prevista a Roma, il 15 settembre, in piazza S.s. Apostoli dalle ore 14.00.

Salute e benessere: Più letti