Cuore, una nuova app promette di riconoscere l'aggravamento dello scompenso dalla voce

Salute e Benessere
©Getty

Sarebbe in grado di riconoscere la presenza di edema polmonare fino a tre settimane prima che il sintomo diventi di entità tale da richiedere un aggiustamento della terapia o il ricovero. È stata presentata nel corso di Heart Failure 2022, il congresso della European Society of Cardiology

 

ascolta articolo

Una nuova app, pensata per pazienti con scompenso cardiaco, promette di riconoscere la presenza di edema polmonare fino a tre settimane prima che il sintomo diventi di entità tale da richiedere un aggiustamento della terapia o il ricovero, tramite l'analisi della voce. Messa a punto da un team di ricercatori coordinato da William Abraham della Ohio State University di Columbus (Usa), è stata presentata nel corso di Heart Failure 2022, il congresso della European Society of Cardiology tenutosi a Madrid.

Lo studio nel dettaglio

approfondimento

Le emozioni? Nascono nel cuore: la conferma arriva da uno studio

L'edema polmonare può essere una seria complicanza dello scompenso cardiaco. È una patologia determinata dall'accumulo di liquidi conseguente all'incapacità del cuore di pompare in maniera efficace il sangue. Al momento, per prevenirne le conseguenze più severe si invitano i pazienti con scompenso cardiaco a monitorare costantemente il peso o a notare la comparsa di difficoltà di respiro. Tuttavia, come ha sottolineato il primo firmatario della ricerca William Abraham, "l'aumento di peso e la comparsa dei sintomi si verificano troppo tardi per consentire interventi medici che tengano i pazienti fuori dall'ospedale". Per ovviare a questo problema, gli studiosi nel corso del nuovo studio hanno valutato la capacità di un app di riconoscere nella voce le sottili modifiche associate all'edema. Per farlo hanno chiesto a un campione composto da 180 soggetti con scompenso cardiaco di registrare tutte le mattine per oltre 500 giorni 5 frasi standard nell'app. L'applicazione confrontava autonomamente le registrazioni quotidiane con una registrazione di base effettuata all'inizio dello studio, quando la malattia dei pazienti era ben controllata.

I risultati

Nel corso del follow-up, sono stati registrati 49 aggravamenti dello scompenso, di cui 39, ovvero l'80% rilevati correttamente dall'app, anche con grande anticipo: 21 giorni prima. L'app, tuttavia, ha dei limiti: ogni paziente ha ricevuto un falso alert in media ogni 4,8 mesi. "Studi futuri indagheranno se la modifica della gestione del paziente a seguito di un avviso, ad esempio aumentando la dose di diuretico per eliminare i liquidi in eccesso, possa prevenire i ricoveri", ha concluso Abraham.

Salute e benessere: Più letti