Il "buon umore" fa bene al cuore e protegge dal diabete. Lo studio

Salute e Benessere
©Ansa

Chi soffre di un numero ridotto di episodi depressivi avrebbe una probabilità inferiore del 34% di malattia delle coronarie e correrebbe un rischio ridotto del 33% di diabete. A indicarlo una ricerca condotta da Pradeep Natarajan del Massachusetts General Hospital di Boston

ascolta articolo

Il "buon umore" fa bene al cuore e protegge dal diabete. Lo suggeriscono i risultati di un nuovo studio, condotto Pradeep Natarajan del Massachusetts General Hospital di Boston, dal quale è emerso che chi soffre di un numero ridotto di episodi depressivi avrebbe una probabilità inferiore del 34% di malattia delle coronarie e correrebbe un rischio ridotto del 33% di diabete. I risultati dello studio, pubblicato sulle pagine della rivista specializzata Nature Cardiovascular Research, potrebbero aprire la strada allo sviluppo di nuove strategie preventive per la salute cardiovascolare basate su un'azione mirata ai disturbi dell'umore.

Lo studio nel dettaglio

approfondimento

Staminali per curare diabete, promettenti test su animali: lo studio

Per compiere lo studio, Pradeep Natarajan e i colleghi hanno studiato il Dna di 328.152 individui di origine Europea di età compresa tra 40 e 69 anni, le cui informazioni genetiche erano depositate nella Biobanca britannica. Utilizzando questi dati, hanno messo a punto uno strumento per misurare il rischio ereditario di malattie cardiovascolari e diabete. Hanno così scoperto che soffrire di episodi depressivi si associa a un maggior rischio di malattia delle coronarie, diabete e anche aritmie, indipendentemente da noti fattori di rischio che incidono sia sulla salute del corpo sia sull'umore, come dieta scorretta, fumo e sedentarietà. Per quanti resti un mistero il modo in cui l'umore depresso incide sulla salute del cuore, "i risultati di questo studio potrebbero avere implicazioni per il miglioramento della salute cardiometabolica individuale e a livello di popolazione", hanno sottolineato i ricercatori sulle pagine della rivista specializzata.

 

Salute e benessere: Più letti