Covid, ricercatori scoprono il segreto delle forme gravi come le polmoniti aggressive

Salute e Benessere

Secondo una ricerca, pubblicata sulla rivista Nature, un gruppo di geni, presenti dal 15% al 20% di coloro che si ammalano in modo grave, è specializzato nel distruggere l'unica molecola capace di costruire una barriera contro l'infezione da SarsCoV2, ossia l'interferone

Perchè in alcuni casi il Covid scatena polmoniti aggressive mentre altri casi restano asintomatici? E' questo uno degli interrogativi più frequenti che medici e scienziati si sono posti in questi due anni.

Le polmoniti aggressive

A dare una risposta è ora una scoperta, pubblicata su Nature, secondo la quale all’origine delle forme gravi di Covid-19 ci sarebbe un gruppo di geni, presenti dal 15% al 20% di coloro che si ammalano in modo grave, specializzato nel distruggere l'unica molecola capace di costruire una barriera contro l'infezione da SarsCoV2, ossia l'interferone. 

La scoperta pubblicata sulla rivista Nature

approfondimento

Covid, studio su autoanticorpi: chi rischia forme gravi dell'infezione

La scoperta, pubblicata sulla rivista Nature è la chiave per comprendere come mai in alcuni la malattia scatena polmoniti aggressive, mentre altri restano asintomatici.

Il risultato è il punto di arrivo della ricerca iniziata nel 2020 dal gruppo internazionale coordinato da Jean-Laurent Casanova, della Rockefeller University, in collaborazione con il consorzio Internazionale di genetica "Covid Human Genetic Effort" al quale l'Italia ha partecipato con il gruppo di Giuseppe Novelli, dell'Università di Roma Tor Vergata, e con l’Istituto San Raffaele di Milano, l'Università di Brescia, l'Ospedale Bambino Gesù di Roma.

Le forme gravi della malattia

approfondimento

Covid, studio Iss-Aifa: con polmonite plasma iperimmune non efficace

Nei geni legati alle forme gravi della malattia, alcuni dei quali sono stati descritti nei mesi scorsi dallo stesso gruppo di ricerca, ce ne sono alcuni che hanno a che fare con la cosiddetta immunità innata, ossia con la capacità di ciascun individuo di difendersi dal virus. Questa scoperta è stata premiata nel 2011 con il Nobel per la Medicina a Bruce Beutler e Jules Hoffmann.

"Abbiamo dimostrato - sottolinea Giuseppe Novelli dell'Università di Roma Tor Vergata - che buona parte dei malati gravi ha un difetto nella produzione dell'interferone ossia non riesce a produrre o addirittura distrugge la molecola che gioca un ruolo chiave contro la tempesta di citochine tipica delle forme gravi di Covid-19. Questo accade perchè non vengono prodotte le molecole-sensore che attivano i recettori delle cellule immunitarie chiamati Tlr, che hanno il compito di avvertire del pericolo". In sostanza, in chi contrae la forma grave di Covid-19, il sistema immunitario non si attiva e non lancia alcun allarme, lasciando al virus la strada completamente libera. Non solo aggiunge Novelli: “E’ una scoperta che apre le porte alla terapia personalizzata, un obiettivo realizzabile soltanto facendo lo screening genetico delle forme gravi”.

I super immuni

approfondimento

Coronavirus, esiste un vaccino? Tutte le domande e le risposte utili

Contemporaneamente si possono approfondire i segreti dell'immunità naturale e il prossimo passo dei ricercatori potrebbe essere studiare proprio gli individui super-immuni, ossia quelli che non contraggono l'infezione, o coloro che dopo essere contagiati, restano asintomatici. Studiare l'immunità naturale è importante anche per avere nuovi strumenti per contrastare il virus, accanto all'immunità acquisita data dai vaccini. I ricercatori rilevano infatti che "non è chiaro se i vaccini rimarranno efficaci a lungo termine e se lo saranno anche contro eventuali nuove varianti del virus".

Salute e benessere: Più letti