A Torino il primo ospedale d'Italia per numero di parti nel 2021

Salute e Benessere
©Ansa

Si tratta dell’ospedale Sant’Anna dove, nel 2021, sono nati 6.701 bambini, rispetto ai 6.766 di quanto successo nel 2020. La percentuale di tagli cesarei è stata del 30,1%, in calo rispetto all'anno precedente quando se ne erano certificati il 30,8%. I parti singoli sono stati 6.534 rispetto al totale, quelli gemellari 165 e quelli trigemellari 2

L’ospedale italiano in cui sono avvenuti più parti nel 2021? Si conferma, anche per il 2021, il Sant'Anna di Torino, con 6.701 nascite: erano state 6.766 nel 2020. Il nosocomio torinese, così, si attesta anche tra i primi ospedali d'Europa in questa speciale classifica, come sottolinea una nota apparsa sul portale “Azienda Ospedaliera Universitaria - Città della Salute e della Scienza di Torino”.

I dati riguardanti i nuovi nati nel 2021

approfondimento

Bimbi prematuri, ogni anno in Italia ne nascono più di 30mila

Nell’ambito del primato dell’ospedale Sant’Anna, ecco poi una serie di dati statistici emersi nello specifico. La percentuale di tagli cesarei, considerando sempre i parti del 2021, è stata del 30,1%, in calo rispetto all'anno precedente quando se ne erano certificati il 30,8%. I parti singoli, sottolinea ancora la nota, sono stati 6.534 rispetto al totale, quelli gemellari 165 e quelli trigemellari 2. Tra le mamme che hanno deciso di partorire nell’ospedale piemontese, il 23,4% erano straniere, appartenenti a ben 88 nazionalità diverse. Complessivamente, come detto, i nuovi nati dell’anno appena terminato sono stati 6.701 e c’è stato un giorno, in particolare, che ha registrato il maggior numero di nuovi nati, ovvero giovedì 7 ottobre, quando sono venuti alla luce 33 bambini nell’arco di 24 ore.  “In quasi nel 90% dei neonati da parto vaginale è stato effettuato il contatto pelle-pelle madre neonato, come viene raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e che favorisce l’allattamento al seno”, hanno spiegato gli esperti. Infine, un ulteriore dato: i neonati pretermine sono stati il 9,8%, in lieve calo rispetto al 2021 quando erano stati il 10,3% del totale.

I primi neonati del 2022

E le statistiche, per il 2022, sono già iniziate a delinearsi. Infatti, il primo nato dell’anno presso il Sant’Anna è stato il piccolo Damiano, 3.580 grammi di peso, nato da parto spontaneo alle 00:46 del 3 gennaio, come confermato anche da un tweet pubblicato sulla pagina ufficiale dell’AOU torinese. Poi, a pochissima distanza di tempo, è nata anche la piccola Carlotta di 3,250 grammi. Entrambi i parti, conclude la nota, “sono avvenuti nei settori dove vengono assistite le gravidanze fisiologiche: rispettivamente il centro nascita, diretto dal professor Alberto Revelli e dall’ostetrica Lucrezia D’Antuono, ed il settore 1° fisiologia, diretto dai dottori Corrado De Sanctis e Saverio Danese, coordinatrice ostetrica Patrizia Vetrugno”.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24