Covid, il professor Zuccotti a Sky TG24: "Basta tamponi e quarantene a scuola"

Salute e Benessere
©Ansa

Secondo il preside della facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Statale, Gian Vincenzo Zuccotti, sarebbe opportuno "normalizzare questa infezione, partendo proprio dai bambini"

 

Bisogna imparare a convivere con il Covid, partendo dai bambini. L'appello arriva dallo scienziato e preside della facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Statale e primario del Buzzi di Milano, Gian Vincenzo Zuccotti, che con la sua equipe ha messo a punto un tampone salivare per facilitare la diagnosi tra i bambini. (LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA - VACCINO COVID: DATI E GRAFICI SULLE SOMMINISTRAZIONI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE)

Zuccotti: "Normalizziamo questa infezione, partendo dai bambini"

approfondimento

Coronavirus in Italia e nel mondo: news di oggi 17 settembre

Proprio oggi, in Lombardia, è partito lo screening con il tampone salivare, ma solo in alcune scuole. Tuttavia, secondo Zuccotti, testare ora gli studenti "serve a poco". "L'importante era organizzarsi prima dell'estate, poter offrire a tutti i bambini, prima dell'inizio della scuola, 48 ore, 72 ore prima dell'inizio della scuola, la possibilità di fare un tampone salivare e quindi permettere l'ingresso soltanto ai bambini che risultavano negativi", ha sottolineato il preside della facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università Statale. Ma, ha aggiunto, "nel momento in cui non si è optato per questa soluzione, quindi quella di organizzarci per "screenare" tutti quanti prima dell'ingresso, credo che l'altra via sia quella di andare a normalizzare questa infezione, partendo proprio dai bambini".
Secondo lo scienziato sarebbe opportuno cominciare a "trattare" il Covid-19, almeno in età pediatrica, "come una normale influenza: se il bambino è sintomatico, sta poco bene, sta a casa, nel momento in cui supera la sua fase influenzale, la sua fase acuta, ritorna a scuola ma senza neanche il bisogno di eseguire nessun tipo di tampone". "Se chiudiamo le scuole creiamo continue quarantene, vuol dire poi comunque quarantene anche nei genitori, ritornare in Dad, e ritornare ancora ad avere problemi anche dal punto di vista economico", ha concluso lo scienziato.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24