Covid Bolzano, studenti contagiati: prime classi in Dad

Salute e Benessere
©Ansa

Dopo solo una settimana dall’inizio dell’anno scolastico sono stati individuati i primi positivi, nonostante sia al momento fermo lo screening con i test antigenici nasali rapidi voluto dalla Provincia autonoma di Bolzano

Iniziate le lezioni il 6 settembre, la scuola in Alto Adige fa registrare già i primi casi di coronavirus nelle aule, con tutti gli studenti interessati che proseguiranno il programma didattico a distanza, con le modalità che il Covid ha imposto a partire dall’avvio della pandemia e dal primo lockdown del marzo 2020. Lo riporta un articolo del “Corriere della Sera”. (LE ULTIME NOTIZIE IN DIRETTA - VACCINO COVID: DATI E GRAFICI SULLE SOMMINISTRAZIONI IN ITALIA, REGIONE PER REGIONE)

Gli istituti interessati

approfondimento

Coronavirus in Italia e nel mondo: le news del 14 settembre 2021

Seppur attualmente bloccato il monitoraggio nelle scuole, con la partenza dello screening con i test antigenici nasali rapidi al momento rimandata, i ragazzi, una volta usciti da scuola, vengono testati quando svolgono le rispettive attività sportive. E così sono stati individuati i primi positivi, dopo solo una settimana dall’inizio dell’anno scolastico. In particolare, riporta ancora il “Corriere”, gli istituti coinvolti sono la scuola italiana Alfieri dell’istituto comprensivo Bolzano Europa 2 (una classe delle scuole medie) e un’altra delle elementari Milani del comprensivo Bolzano 3. Un’altra situazione analoga è stata registrata alle scuole professionali. Tutti i ragazzi sono stati sottoposti a quarantena.

Il monitoraggio saltato

Come detto, tra le criticità segnalate nell’ambito della scuola altoatesina che si divide tra gli istituti di lingua italiana e quelli di lingua tedesca, c’è quello del rinvio dello screening con i test antigenici nasali rapidi voluto dalla Provincia autonoma di Bolzano. Il monitoraggio, riporta il quotidiano, era previsto in base ad un’ordinanza del presidente Arno Kompatscher e contemplava un mese di screening, su base volontaria, a partire proprio dal 6 settembre, data del primo suono della campanella per l’anno scolastico 2021/2022. Erano previsti anche i test salivari a campione, tra scuole elementari e medie, come previsto dalle indicazioni del governo. Ma il meccanismo si è frenato sulla questione privacy e sui moduli da consegnare ai genitori degli alunni per il consenso. Solamente nelle ultime ore, la situazione sembra essersi sbloccata. “Appena li avremo li invieremo ai genitori. Dobbiamo dare due giorni di tempo alle famiglie e penso proprio che si partirà lunedì prossimo”, ha sottolineato Marco Fontana, presidente dell’associazione nazionale dei presidi e dirigente dell’istituto comprensivo “Bolzano Europa 2”. La situazione appare simile anche per le scuole tedesche, che in parte hanno chiesto il consenso con i moduli dello scorso anno senza attendere quelli nuovi, come confermato dalla sovrintendente Sigrun Falkensteiner. “In alcuni casi qualche istituto è già partito, ma la maggioranza lo farà lunedì prossimo”, ha precisato.

Test volontario, ma rischio quarantena

Come riporta ancora il “Corriere”, il test è volontario, ma chi non aderirà dovrà andare in quarantena nel caso un compagno di classe venga trovato positivo al tampone molecolare. Per gli altri alunni, che fanno il monitoraggio, la scuola proseguirà regolarmente. La quarantena sarà di 7 giorni per i ragazzi vaccinati, che si faranno testare, di 10 per gli studenti non vaccinati negativi al tampone e di 14 per i ragazzi che non vorranno farsi testare.

 

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24