Filippine, film in gondola: il cinema al tempo del Covid. VIDEO

Salute e Benessere

A Manila è stato aperto un cinema all'aperto che offre un'esperienza di visione sicuramente unica. I cittadini della capitale hanno la possibilità di godersi un film mentre vengono cullati dal lento movimento delle gondole

Film in gondola. È l'originale idea che arriva dalle Filippine e più precisamente da Manila, dove, in reazione all'emergenza coronavirus e alla chiusura dei cinema è stato aperto un cinema all'aperto che offre un'esperienza di visione sicuramente unica. I cittadini della capitale hanno la possibilità di godersi un film su grande schermo, mentre vengono cullati dell'acqua del canale e dal lento movimento delle gondole.

Film in gondola: come funziona

approfondimento

Coronavirus in Italia e nel mondo: le notizie del 19 dicembre

 

All'originale cinema all'aperto,  che sicuramente offre un assaggio di Venezia, si può accedere previa prenotazione, al costo di 500 pesos a persona (circa 10 dollari), che  corrispondo all'incirca al salario giornaliero minimo nella capitale.
Ogni gondola può ospitare fino a 2 spettatori, con un massimo di 10 ospiti a proiezione. Per accedere al cinema all'aperto è necessario portare con sé degli auricolari, tramite i quali è possibile ascoltare la trasmissione audio a una frequenza radio disponibile solo per chi è a bordo delle gondole.

 

È uno dei primi cinema a riaprire nelle Filippine

 

"Andare in barca ha reso questa esperienza unica", ha dichiarato a Reuters, Violet Gatchalian, a capo del centro commerciale Venice Grand Canal a Manila. "È anche uno dei primi cinema a riaprire, quindi abbiamo voluto provarlo", ha aggiunto, precisando che le imbarcazioni tipiche della laguna di Venezia sono posizionate a metri di distanza tra loro, nel pieno rispetto delle norme anticontagio.
"Il cinema in gondola mira a sollevare lo spirito degli ospiti e ad aiutare i lavoratori dell'industria cinematografica", ha aggiunto Graham Coates, a capo dei centri commerciali Megaworld Lifestyle.
Come riporta Reuters, i cinema filippini sono chiusi da metà marzo, quando il presidente Rodrigo Duterte ha imposto uno dei blocchi più duri e lunghi al mondo. Con oltre 456.000 casi di infezione di coronavirus e 8.875 morti, le Filippine sono il Paese più colpito del sud-est asiatico dopo l'Indonesia.

Salute e benessere: Più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.