Usa, uomo morto di arresto cardiaco: aveva mangiato troppa liquirizia

Salute e Benessere
©Getty

È accaduto a un 54enne del Massachusetts, che per qualche settimana avrebbe ingerito una confezione e mezzo al giorno di liquirizia. Lo studio sul New England Journal of Medicine

L’esagerata passione per la liquirizia gli è costata la vita. Negli Stati Uniti un uomo di 54 anni senza alcun precedente sintomo è scomparso improvvisamente in un fast food per arresto cardiaco. Riportato sul New England Journal of Medicine, il caso è stato ascritto all'esagerato consumo di liquirizia: i medici dicono che l'uomo ne mangiava una confezione e mezzo al giorno. 

Deficit grave di potassio e altri disturbi

approfondimento

Usa, attenzione alla liquirizia: l'abuso è dannoso per il cuore

 

Il caso è stato riportato dai clinici del Brigham and Women's Hospital, Massachusetts General Hospital e Harvard Medical School a Boston: i dottori sono d'accordo nel dire che l'uomo è stato ucciso da un eccesso di “acido glicirrizico” o “glicirrizzinico”, il principio base della radice della liquirizia, che può dare pressione alta, deficit grave di potassio, aritmie fatali, blocchi renali e altri disturbi, tutti documentati nel 54enne al momento del decesso. Sul Guardian si legge che la vittima era un muratore del Massachusetts. Citando testualmente ne avrebbe mangiata “una confezione e mezzo al giorno per qualche settimana”, causando la scomparsa di fondamentali nutrienti e l’arresto cardiaco.

 

Un caso limite

 

“Anche solo mangiando una piccola quantità di liquirizia può lievemente aumentare la pressione sanguigna” ha spiegato il dottor Neel Butala, un cardiologo del Massachusetts General Hospital che ha descritto il caso nel New England Journal of Medicine. “Mangiare appena 2 once (circa 60 grammi) di liquirizia nera al giorno per due settimane potrebbe causare un problema di aritmia cardiaca - è invece ciò che ha riferito la US Food and Drug Administration - soprattutto per le persone di età superiore ai 40 anni”. Quel che è certo, però, come conferma anche lo studio, è che in questo caso si tratta di un caso estremo di “eccesso di liquirizia”. Il 54 enne, svenuto mentre pranzava in un fast food, è stato rianimato ma è deceduto il giorno successivo.

Salute e benessere: Più letti