Coronaviurs, Oms: “Mascherine utili in Paesi sovraffollati o con carenza d’acqua”

Salute e Benessere

Tedros Adhanom Ghebreyesus, il direttore dell’Oms, ha spiegato che l’uso generalizzato delle mascherine deve essere preso in considerazione da quei Paesi nei quali altre misure, come lavarsi le mani o mantenere la distanza, sono più difficili da applicare  

Nel corso del briefing sull’emergenza sanitaria dovuta al coronavirus Sars-CoV-2 (segui la DIRETTA di Sky TG24), Tedros Adhanom Ghebreyesus, il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), ha spiegato che l’utilizzo generalizzato delle mascherine
deve essere preso in considerazione da quei Paesi nei quali le altre misure, quali lavarsi le mani o mantenere la distanza tra i cittadini, sono di difficile applicazione per alcuni problemi che ne impediscono l’efficacia quali la “carenza d'acqua o condizioni di sovraffollamento".

Oms: “Forniremo ai Paesi parametri precisi per fase 2”

Nel corso del briefing, il dottor Mike Ryan ha aggiunto che l’Organizzazione mondiale della sanità sta delineando dei "parametri precisi" da applicare per uscire dal lockdown e avviare la fase due dell’emergenza, che verranno successivamente forniti ai Paesi. 

Oms, corsa al vaccino: 20 aziende al lavoro

Per quanto riguarda la corsa al vaccino contro Covid-19 e i progressi nello sviluppo di nuove terapie per combatterlo,  come comunicato da Tedros Adhanom Ghebreyesus nel corso della conferenza odierna, sono oltre 70 le persone che partecipano al Solidarity Trial dell'Oms finalizzato a velocizzare la ricerca di cure efficaci contro il coronavirus. Inoltre, circa 20 aziende e istituzioni in tutto il mondo sono al lavoro per riuscire a mettere a punto in tempi rapidi un vaccino efficace contro il nuovo coronavirus. Nel corso del briefing, il direttore dell’Oms riferendosi alla proposta di due medici francesi ha specificato che “l’Africa non diventerà terreno di sperimentazione per il vaccino. Tedros Adhanom Ghebreyesus​ ha aggiunto che “è stato orribile sentire affermazioni del genere da scienziati nel ventunesimo secolo. L’Oms condanna con forza e assicura che questo non succederà mai. Sarà applicato il protocollo e gli esseri umani saranno trattati come tali. Seguiremo lo stesso protocollo in tutto il mondo”.

Salute e benessere: Più letti