Polso da selfie, l’infiammazione che colpisce i fan degli autoscatti

Salute e Benessere
gettyimages-selfie_720

Si tratta di una nuova forma di sindrome del tunnel carpale caratterizzata da una sensazione di intorpidimento e formicolio al polso e alle dita 

La moda dei selfie continua a godere di un ottimo stato di salute e basta navigare per qualche minuto sui social media per constatare quanto siano apprezzati, soprattutto dai più giovani. Non c’è nulla di male a farsi qualche autoscatto ogni tanto, ma esagerare potrebbe avere delle conseguenze negative sulla salute. Ai selfie, infatti, è associata una nuova forma della sindrome del tunnel carpale nota in inglese come ‘selfie wrist’ (letteralmente ‘polso da selfie’) e caratterizzata da dolori non trascurabili al polso e alle dita. A lanciare l’allarme è il dottor Levi Harrison, un chirurgo ortopedico di San Francisco. Secondo il medico, i casi di ‘polso da selfie’ negli Stati Uniti sono in continuo aumento. Tra chi soffre di questa condizione non mancano nemmeno le celebrità: alcuni mesi fa il dottor Harrison ha imposto a Kim Kardashian, attivissima sui social media, un periodo di riposo in cui doveva assolutamente evitare di scattarsi dei selfie.

Le cause del ‘polso da selfie’

Il dolore sperimentato da chi soffre del ‘polso da selfie’ è dovuto alla posizione che talvolta è necessario assumere per realizzare l’autoscatto perfetto, la quale causa una iperflessione del polso, o dalla necessità di tenere a lungo lo smartphone fermo. "Quello che succede è che il nervo si infiamma e diventa dolorante" spiega il dottor Harrison. È bene però tenere a mente che il fastidio può non essere causato esclusivamente dall'abitudine a scattare troppi selfie. Altre attività che possono provocarlo sono dormire con il polso flesso o digitare numerosi messaggi sullo smartphone.

Gli incidenti causati dai selfie

Un articolo pubblicato dall’Irish Medical Journal nel 2017 spiega che negli ultimi anni l’abitudine a scattarsi dei selfie ha causato numerosi incidenti. Una ragazza di 13 anni, per esempio, si è fatta male nel tentativo di farsi una foto mentre saltava sul tappetto elastico. Inoltre, uno studio del 2018 ha dimostrato che tra ottobre 2011 e novembre 2017 si sono verificati 259 decessi associati allo scatto di un selfie, prevalentemente negli Stati Uniti, in India, in Russia e in Pakistan. 

Salute e benessere: Più letti