Ideato un mini cerotto per la cura delle patologie visive

Immagine di archivio (Getty Images)
2' di lettura

Una volta applicato sull’occhio, il mini dispositivo rilascia un farmaco utilizzando dei soffici aghi microscopici. È stato testato con successo su dei topolini 

Un gruppo di ricercatori della Nanyang Technological University di Singapore, guidato da Peng Chen, ha sviluppato un mini-cerotto in grado di rilasciare dei farmaci direttamente nell’occhio. Il suo utilizzo è stato testato con successo su dei topolini da laboratorio. In futuro potrebbe essere utilizzato per curare le patologie della vista che attualmente possono essere medicate solo tramite delle fastidiose iniezioni intraoculari (talvolta causa di infezioni). Alcune gravi malattie degenerative, come la maculopatia e il glaucoma, richiedono proprio questo tipo di trattamento, in quanto l’utilizzo di soluzioni alternative, come l’applicazione di gocce, si è rivelato poco efficace.
I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature Communications.

Il funzionamento del mini cerotto

Il cerotto hi-tech, realizzato dai ricercatori dell’Ateneo di Singapore, è estremamente piccolo (le sue dimensioni sono di pochi millimetri) e, proprio come le lenti a contatto, si applica direttamente sulla pupilla. Una volta posizionato, i soffici aghi microscopici di cui è dotato rilasciano lentamente il farmaco contenuto al loro interno, per poi dissolversi. Durante i test in laboratorio, il cerotto è stato utilizzato per curare dei topolini affetti da un disturbo visivo che nel corso del tempo porta alla vascolarizzazione anomala della cornea. Il trattamento ha consentito una riduzione dell’80% dell’area neovascolarizzata. In questo caso, il farmaco è stato utilizzato per rilasciare nell’occhio un farmaco specifico: l’anticorpo DC101. L’utilizzo del medicamento in collirio risulta molto meno efficace.
Gli autori dello studio hanno dichiarato che il prossimo passo consisterà nel testare il cerotto sui pazienti nell’ambito delle sperimentazioni cliniche.

Un dispositivo simile

Alcuni mesi fa, un team di ricerca dell’Università di Bath ha ideato un cerotto in grado di misurare la concentrazione di glucosio nel sangue. Dopo averlo applicato sulla pelle, è sufficiente attendere tra i 10 e i 15 minuti per ottenere un risultato piuttosto accurato. Sembra dunque che la creazione di cerotti in grado di rendere superfluo l’utilizzo di aghi e siringhe stia prendendo piede nel campo della medicina. 

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"