Anm decreta giorno di sciopero dei magistrati contro riforma Cartabia

Lazio
©Ansa

L’assemblea nazionale ha votato per opporsi alla riforma dell’ordinamento giudiziario approvata dalla Camera e ora all’esame del Senato. Nella mozione si legge che lo sciopero è fatto “per essere ascoltati e far comprendere di quali riforme il Paese ha veramente bisogno”

ascolta articolo

Con 1.081 voti favorevoli, 169 contrari e 13 astenuti l'assemblea nazionale dell'Anm ha deliberato un giorno di sciopero dei magistrati italiani contro la riforma Cartabia dell'ordinamento giudiziario, approvata alla Camera e ora all'esame del Senato. Prevista anche la possibilità di ulteriori forme di protesta se non ci saranno aperture.

Anm: “Scioperiamo per essere ascoltati”

approfondimento

Riforma giustizia, ok del Senato. Il testo è legge: cosa prevede

"Non scioperiamo per protestare, ma per essere ascoltati, non scioperiamo contro le riforme, ma per far comprendere, dal nostro punto di vista, di quali riforme della magistratura il Paese ha veramente bisogno. Per questa idea di Paese ci troviamo costretti a scioperare, per questa idea della Magistratura, che non è solo nostra, ma è quella contenuta nella nostra splendida Costituzione. Proponiamo, pertanto, all'assemblea di proclamare una giornata di astensione, delegando la G.E.C. ad individuare tempestivamente la data e le concrete modalità organizzative, tenendo conto dello sviluppo dei lavori parlamentari in corso". È questo uno dei passaggi centrali della mozione unitaria e collettiva votata dall'assemblea nazionale dell'Associazione nazionale magistrati che prevede un giorno di astensione dal lavoro ed eventuali altre forme di protesta qualora "le criticità non verranno elise".

“Assemblee aperte rappresentanti istituzioni e cittadini durante sciopero”

"Proponiamo che, ferme restando le ulteriori forme di proteste già deliberate dal Comitato direttivo centrale, durante tale giornata vengano celebrate assemblee aperte a tutti i rappresentanti delle istituzioni e ai cittadini, dove si dia lettura della presente mozione o di un documento dai contenuti analoghi, e che tale documento venga pubblicato su tutte le piattaforme di comunicazione telematiche. Deleghiamo il Cdc, - conclude la mozione approvata a stragrande maggioranza - qualora non vi fossero modifiche idonee ad elidere le criticità del progetto di riforma, a prevedere tempestivamente nuove forme di protesta, non esclusa l'astensione".

Roma: I più letti