Roma, riapre dopo 10 mesi solo in uscita la fermata della metro Barberini: è polemica

Lazio

“Un paradosso. In Cina si costruisce un ospedale in 10 giorni, nella Roma della Raggi non si riesce a rimettere pienamente in funzione una stazione in 319 giorni”, ha affermato la senatrice del Pd Monica Cirinnà. La sindaca: “La sicurezza viene prima”

Domani riaprirà, ma solo in uscita, la stazione metro Barberini, nel centro di Roma, chiusa dalla scorsa primavera per la revisione delle scale mobili. "Le autorità competenti, a valle dell'esito positivo dei collaudi previsti alle scale mobili della stazione metro A di Barberini, hanno autorizzato la riattivazione dell'ultimo impianto. Di conseguenza domani, 4 febbraio, la stazione Barberini verrà riaperta in uscita da inizio servizio, alle ore 5.30", si legge in una nota di Atac.

Le polemiche, Cirinnà: “È un paradosso”

Non mancano però le polemiche per la riapertura parziale della fermata. "Roma è ancora costretta a subire l'inefficienza e l'incapacità di un'amministrazione disastrosa. Dopo quasi un anno di chiusura, la stazione metro Barberini dovrebbe riaprire domani, ma solo in uscita. Un paradosso. In Cina si costruisce un ospedale in 10 giorni, nella Roma della Raggi non si riesce a rimettere pienamente in funzione una stazione in 319 giorni. La sindaca, calandosi nel ridicolo, esulta, lodando controlli approfonditi ma dimenticandosi di dire che i romani saranno ancora costretti a non poter prendere la metro a Barberini. Roma e i suoi cittadini non meritano di essere presi in giro in questo modo", ha affermato la senatrice del Pd Monica Cirinnà.

Marcucci: “È un record mondiale"

“Una metropolitana chiusa per lavori per ben 10 mesi, come quella di Barberini nel pieno centro di Roma, che riapre ma solo in uscita, credo che sia un record mondiale. La sindaca Raggi evidentemente non teme ironie. Questo purtroppo rende la misura di come sia ridotta la Capitale con l'attuale amministrazione", ha scritto sui social il presidente dei senatori Pd Andrea Marcucci. 

Raggi: “La sicurezza viene prima”

“Troppo un anno di lavoro ma la sicurezza viene prima. Avremmo voluto far prima perché un anno di lavori per riaprire una fermata della metropolitana è davvero troppo. Mi riferisco, in particolare, all'attesa dei commercianti di piazza Barberini e dei tanti viaggiatori di una delle stazioni più importanti e centrali di Roma. Ma la sicurezza viene prima", ha scritto sui social la sindaca di Roma, Virginia Raggi. "Dopo le immagini delle scale mobili accartocciate della fermata Repubblica, sempre sulla linea A della metro, è apparso evidente che un controllo approfondito, mai fatto prima, su tutte le strutture delle metropolitane di Roma fosse più che mai necessario. In questi mesi abbiamo messo al lavoro i tecnici per rendere sicure le stazioni", ha concluso la prima cittadina.  

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24