Roma, truffa alle Asl su prodotti per celiaci: sequestro da un milione

Lazio
Foto di archivio (Getty Images)

Due società avrebbero ottenuto compensi non dovuti tramite false attestazioni, utilizzando buoni per i rimborsi duplicati e fatture di importo superiore rispetto al venduto. La Regione Lazio si costituirà parte civile 

Truffa aggravata ai danni delle casse della Regione Lazio. È questa l’accusa con cui il gip di Roma ha disposto, su richiesta della Procura, un sequestro complessivo di circa un milione di euro nei confronti di due società di prodotti per celiaci. Entrambe le aziende, infatti, avrebbero ottenuto dalle Asl compensi non dovuti tramite false attestazioni, utilizzando buoni per i rimborsi duplicati e richiedendo somme maggiori a quelle spettanti attraverso fatture di importo superiore rispetto ai prodotti realmente venduti.

Regione Lazio si costituirà parte civile

Nel processo a carico dei responsabili la Regione Lazio ha fatto sapere che si costituirà parte civile "Queste truffe vanno stroncate poiché si arreca un danno in primo luogo ai malati e poi alle casse della Sanità regionale. Si tratta di un crimine odioso e dovranno restituire al sistema sanitario regionale fino all'ultimo centesimo di ciò che è stato indebitamente sottratto", commenta l'Assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24