Roma, tenta di soffocare la compagna con un cuscino e fugge: arrestato

Lazio

Ha afferrato con una mano la donna per la gola e con l'altra mano le ha spinto un cuscino sulla faccia fino quasi a farle perdere i sensi. L'episodio è avvenuto i primi di ottobre. L'uomo è stato poi rintracciato nel Brindisino, dove era scappato

Arrestato un uomo di 37 anni, accusato di aver tentato di uccidere la compagna soffocandola con un cuscino, fino quasi a farle perdere i sensi, nella loro abitazione in zona Fleming, a Roma Nord. Dopo questo episodio, avvenuto i primi giorni di ottobre, il 37enne, con alle spalle altri episodi di violenza contro la donna, è fuggito nel Brindisino, provincia di cui è originario, dove è stato rintracciato dagli agenti della locale Squadra Mobile.

La vicenda

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, al culmine di una lite il 37enne ha afferrato con una mano la donna per la gola e con l'altra mano le ha spinto un cuscino sulla faccia fino quasi a farle perdere i sensi. Un condomino, sentite le urla, ha provato a citofonare, facendo così desistere l'uomo che, subito dopo, è fuggito. Gli agenti del commissariato Ponte Milvio, diretto da Antonio Soluri, hanno raccolto la denuncia della donna e, dopo aver ascoltato altri testimoni, hanno informato la procura che ha chiesto e ottenuto dal Gip un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Roma: I più letti