Roma, picchia moglie e figlie e tenta di aggredire agente: arrestato

Lazio
Immagine di archivio (ANSA)

Il 50enne è stato condotto al carcere di Regina Coeli dopo aver assalito uno dei poliziotti chiamati dalla figlia in seguito all’ennesimo episodio di violenza 

Un uomo di 50 anni è stato arrestato a Roma dalla polizia e portato, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, nel carcere di Regina Coeli per aver tentato di aggredire un agente.
Gli uomini delle forze dell’ordine si erano recati a casa dell’uomo per condurlo in Commissariato in seguito alla richiesta di aiuto della figlia che aveva chiamato la polizia dopo l’ennesimo episodio di violenza verso lei e la madre.

L’uomo picchiava le due figlie e la moglie, anche durante le gravidanze

All'arrivo degli agenti, la ragazza ha raccontato dei continui maltrattamenti subiti da lei, da sua sorella e dalla madre. La moglie dell’uomo ha riferito di essere stata più volte minacciata di morte dal marito e di essere stata picchiata anche durante le gravidanze. Madre e figlia sono state portate in ospedale con rispettivamente 8 e 5 giorni di prognosi.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24