Corruzione all’Ente previdenziale infermieri: sequestri per 40 milioni

Lazio
I finanzieri impegnati nell'operazione (ANSA)

Destinatari della misura preventiva sono un imprenditore lucano, un avvocato e un commercialista operanti su Roma, oltre al presidente e al direttore generale pro-tempore dell'Enpapi, Ente nazionale di previdenza e assistenza della professione infermieristica

E’ in corso di esecuzione, da parte dei militari della guardia di finanza di Roma con la collaborazione di altri reparti sul territorio nazionale, un decreto di sequestro preventivo per reati di corruzione commessi nell'ambito della gestione dell'Enpapi (Ente nazionale di previdenza e assistenza della professione infermieristica). Destinatari del provvedimento sono un noto imprenditore lucano, un avvocato e un commercialista operanti su Roma nonché il presidente e il direttore generale pro tempore dell'ente. I fatti contestati sarebbero avvenuti nel periodo settembre 2010 - febbraio 2019.

I beni sequestrati

Sotto sequestro sono finiti beni, nelle disponibilità degli indagati, per oltre 40 milioni di euro, in forma di risorse finanziarie, partecipazioni societarie e beni mobili e immobili, questi ultimi situati nelle province di Roma, Potenza, Grosseto e Gorizia. Tra gli immobili, vi sono alcune ville ubicate nel quartiere Casal Palocco di Roma, all'Argentario e in provincia di Gorizia. Durante le indagini sono stati individuati anche rapporti finanziari svizzeri riconducibili a uno degli indagati.  

Roma: I più letti