Roma, 16enne ferito da colpi di pistola e lasciato davanti all'ospedale Gemelli: è grave

Lazio

Il 16enne potrebbe essere rimasto ferito durante un tentativo di furto in abitazione. La vittima della rapina avrebbe esploso più colpi di pistola per mettere in fuga i malviventi

A Roma un ragazzo di 16 anni, albanese, è stato lasciato da un'auto davanti al pronto soccorso del policlinico Gemelli, con ferite d'arma da fuoco sul corpo. È accaduto ieri sera, venerdì 26 aprile. Il ragazzo è ricoverato in gravi condizioni nel reparto di Terapia Intensiva Pediatrica. Ieri è stato operato d’urgenza. È in condizioni stabili, ma la prognosi rimane riservata.

Le indagini

I primi ad intervenire sono stati i poliziotti della squadra mobile di Roma. Poi le indagini sono passate ai carabinieri di Monterotondo, coordinati dalla Procura di Tivoli, che si stavano occupando di un furto in abitazione: per chi indaga infatti i due episodi sarebbero collegati. Il 16enne potrebbe essere stato ferito durante il furto in casa. A sparare sarebbe stato il proprietario dell'abitazione, un 29enne, che avrebbe sorpreso il 16enne, insieme ad altri, nel proprio soggiorno. L'uomo, la cui posizione è al vaglio degli inquirenti, avrebbe poi esploso più colpi di pistola in direzione dei ladri. Al momento, secondo quanto si è appreso, non è stata formalizzata alcuna iscrizione nel registro degli indagati né sono stati disposti fermi.

Il furto

Il furto sarebbe avvenuto in un appartamento di Monterotondo, vicino Roma, ieri sera. Mezz'ora dopo il 16enne sarebbe stato lasciato davanti al pronto soccorso. A dare l'allarme al 112 sarebbe stato lo stesso cinquantenne. Sul posto sono intervenuti per i rilievi i carabinieri della compagnia di Monterotondo e del nucleo investigativo di Ostia per i rilievi. L'arma che potrebbe aver ferito il ragazzo, regolarmente detenuta per uso sportivo, è stata posta sotto sequestro.

Roma: I più letti