Sequestro imprenditori, Guerino Casamonica condannato a 15 anni

Lazio
Agenzia_Fotogramma_giustizia2

Condanne aumentante nel nuovo processo d’appello per Guerino Casamonica, Alfredo Di Silvio e Romolo Di Silvi, accusati del sequestro degli imprenditori Massimo Ciampa e Victor Manuel Ramirez 

Sono aumentante le condanne nel nuovo processo d’appello per Guerino Casamonica, Alfredo Di Silvio e Romolo Di Silvi, accusati del sequestro di due imprenditori, Massimo Ciampa e Victor Manuel Ramirez (il primo romano, il secondo colombiano). Secondo l’accusa, per liberarli era stato chiesto un riscatto. Nel nuovo processo d’appello disposto dalla Cassazione sono stati condannati a 15 anni, mentre in primo grado erano stati condannati a 4 anni di reclusione (solo Di Silvio a sei mesi in più per la detenzione di armi) con l’accusa di sequestro di persona semplice finalizzato all’esercizio arbitrario delle proprie ragioni.

Il primo processo d’appello

I tre malviventi, nel primo processo d’appello, si erano visti raddoppiare le condanne per il ripristino dell’originaria imputazione di sequestro di persona a scopo di estorsione: per Casamonica e Di Silvi 9 anni e 8 mesi di reclusione; per Di Silvio 10 anni. È stata la Cassazione nel giugno scorso ad annullare la sentenza, chiedendo di rivalutare il concorso nella detenzione dell’arma e di valutare la possibilità di attribuire a tutti gli imputati l’attenuazione prevista per il rito abbreviato non concessa in precedenza.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.