Chiesto processo per Diotallevi: “Vicino a Banda della Magliana”

Lazio
Agenzia_Fotogramma_giustizia

Secondo la procura, l'uomo sarebbe vicino alla Banda della Magliana e avrebbe attribuito fittiziamente ad un prestanome la titolarità effettiva delle quote di due società

La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per Ernesto Diotallevi, ritenuto dagli inquirenti figura vicina alla Banda della Magliana. Diotallevi è accusato, con altre quattro persone, di concorso in intestazione fittizia di beni. Il PM, Luca Tescaroli, ha chiesto il rinvio a giudizio anche per la moglie di Diotallevi, Carolina Lucarini, e per il figlio, Mario Diotallevi.

I sequestri

La vicenda risale al 2013, quando il Ros e la Guardia di Finanza hanno proceduto ad un maxisequestro, di 25 milioni di euro, tra beni immobili, autoveicoli, quote societarie e conti bancari, compreso un appartamento di 14 vani in piazza Fontana di Trevi e un complesso turistico sul mare a Olbia. I beni furono confiscasti nell'aprile del 2015: il provvedimento nel 2017 venne, prima annullato dalla Corte d'Appello, poi, nel febbraio scorso, riconfermato dalla corte di Cassazione. Secondo il PM, Diotallevi avrebbe attribuito fittiziamente a un prestanome la titolarità effettiva delle quote di due società. Con il figlio, invece, avrebbe inoltre attribuito, sempre in modo fittizio, a Paolo Oliverio, coinvolto in passato in diverse vicende giudiziarie, il 30% di una altra società.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.