Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Taglio dei parlamentari, ecco come cambiano Camera e Senato - Le infografiche

2' di lettura

Un numero inferiore di deputati, più elettori rappresentati da ognuno, una maggioranza diversa per l'elezione del presidente della Repubblica. Ecco cosa succede con la sforbiciata appena approvata

Come cambia il Parlamento della Repubblica italiana dopo il taglio ai parlamentari? Per farci un’idea, anche visiva, del mutamento possiamo chiedere aiuto ad una serie di grafici interattivi. 

 

Partiamo dai numeri dei due rami del Parlamento dopo la sforbiciata. La Camera passerà da 630 a 400 deputati, mentre il Senato da 315 a 200 eletti. Ovvero una riduzione rispettivamente di 230 e 115 membri, vale a dire oltre un terzo del totale attuale, il 36,5%. Questo significa che gli emicicli di Montecitorio e di Palazzo Madama saranno decisamente meno gremiti. 

Se non visualizzi il grafico clicca qui

 

Se non visualizzi il grafico clicca qui

Meno parlamentari vuol dire anche che ogni membro del Parlamento italiano rappresenterà più elettori. Ovvero, il rapporto numerico tra eletti e votanti cresce. Alla Camera si passa da 96.006 a 151.201. In sostanza, il numero di cittadini rispetto a un deputato aumenta del 57%. Al Senato si passa da 188.424 a 302.420 cittadini per ogni senatore, con un incremento del 60%. 

 

Se non visualizzi il grafico clicca qui 

 

Se non visualizzi il grafico clicca qui 

I nuovi rapporti numerici fanno sì che, almeno per quanto riguarda il ramo basso del parlamento, l’Italia diventi il Paese nel quale il maggior numero di elettori sono rappresentati da un singolo deputato, almeno rispetto a nazioni come Spagna, Germania, Francia. Il che significa anche un bel salto rispetto alla situazione attuale nella quale lo Stivale si distingue per essere quello con il numero di elettori più basso in relazione agli eletti. 

 

Se non visualizzi il grafico clicca qui

Ovviamente il taglio avrà un impatto anche sui numeri necessari ad eleggere il presidente della Repubblica. La maggioranza qualificata, quella necessaria per eleggere il Capo dello Stato nei primi tre scrutini, passa da 673 grandi elettori a 439. Quella assoluta, richiesta dal quarto scrutinio in poi scende da 505 a 330.

 

Se non visualizzi il grafico clicca qui 

 

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"