Governo Draghi, chi è il nuovo ministro per le disabilità Erika Stefani

Politica
©LaPresse

Avvocata vicentina, dopo una carriera di lungo corso nella politica locale, è approdata in Parlamento al Senato con la Lega nel 2013. Alle Politiche del 2018 viene rieletta e diventa ministro per gli Affari regionali del primo governo Conte

Avvocata vicentina, Erika Stefani è la nuova ministra alle politiche per la disabilità del governo Draghi. Stefani è entrata in politica alle amministrative del 1999 come consigliera del Comune di Trissino e dopo una lunga carriera è approdata in Parlamento nel 2013. A giugno del 2018 è stata nominata ministra per gli Affari regionali del primo governo “gialloverde” guidato da Giuseppe Conte e ora si occuperà, in quota Carroccio, del delicato tema delle disabilità (TUTTI I MINISTRI DEL GOVERNO DRAGHI).

Un lungo corso nella politica locale

approfondimento

Governo, Mario Draghi legge la lista dei ministri al Colle. VIDEO

Nata il 18 luglio 1971 a Valdagno, nel Vicentino, Stefani ha studiato giurisprudenza all'università di Padova. E' entrata in politica alle amministrative del 1999 con una lista civica come consigliera del Comune di Trissino (piccolo Comune sempre in provincia di Vicenza). Da questo momento in poi, la sua è stata una lunga carriera maturata a livello amministrativo e territoriale. E l'avvicinamento alla Lega è arrivato in corsa. Alle elezioni Comunali del 2009 si è presentata come candidata del Carroccio a Trissino, è stata eletta e ha ricoperto le cariche di vicesindaca e assessore all'Urbanistica.

L’approdo in Parlamento

La svolta politica vera e propria c'è stata nel 2013, quando alle politiche è stata eletta senatrice con la coalizione di centrodestra. Durante la legislatura, è stata vicepresidente del gruppo Ln-Aut dal 15 luglio 2014, membro della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari, componente della commissione Giustizia. Inoltre, ha fatto parte della commissione parlamentare di inchiesta sul femminicidio e su ogni forma di violenza di genere; del Comitato parlamentare per i procedimenti di accusa; della commissione parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza. Era anche membro della commissione di inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro.

Ministro nel primo governo Conte

Alle elezioni del 4 marzo 2018 ha ripetuto il successo ottenuto alle precedenti politiche ed è stata rieletta nel collegio uninominale di Vicenza. Poi è approdata, con Giuseppe Conte, al ministero chiamato ad occuparsi dei rapporti con le Regioni. Ora torna in campo con Draghi dopo che Matteo Salvini era tornato a proporre di far "rinascere" il ministero per le disabilità. Stefani, che si è occupata molto di giustizia, femminicidi e autonomie, durante la prima esperienza come ministra, aveva anche presentato le iniziative per il turismo accessibile definendole "un'occasione di inclusione sociale".

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24