Salvini su Meloni premier: “Lasciare la scelta agli italiani e non a logiche di partito”

Politica
©Ansa

Il leader della Lega in un’intervista a Radio 24 ha risposto "E perché dovrei?” alla domanda se ha qualcosa in contrario all’ipotesi che Meloni diventi presidente. “È passata la linea del buon senso, chi prende un voto in più ha l'onere e l'onore di indicare il premier. Si chiama democrazia”, ha aggiunto. Sulla situazione internazionale: "Siamo orgogliosamente alleati ai Paesi liberi occidentali democratici. Questo non significa non voler buoni rapporti con Putin. Quindi l'Alleanza atlantica non è in discussione”

ascolta articolo

"E perché dovrei?”. Matteo Salvini, intervistato a Radio 24, ha riposto così alla domanda se ha qualcosa in contrario all'ipotesi che Giorgia Meloni diventi il prossimo presidente del Consiglio. “Se la Lega prende un voto in più l'indicazione la darà Salvini, se Berlusconi prenderà un voto in più l'indicazione la darà lui. Lasciare la scelta agli italiani e non a logiche di partito, a strane alchimie e algoritmi, più semplice di così?”, ha aggiunto. Il leader della Lega, poi, ha frenato sui risultati delle urne: “Non c'è nessuna vittoria scontata il 25 settembre: 66 milioni di italiani decideranno se il futuro è quello del Pd, dei 5 Stelle o quello della Lega e del centrodestra” (GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA SULLA GIORNATA POLITICA - TUTTI I VIDEO SULLE PROSSIME ELEZIONI - LO SPECIALE SULLA CRISI).

Salvini: “È passata la linea del buon senso”

leggi anche

Centrodestra trova l'accordo: chi prenderà più voti indicherà premier

Secondo Salvini, riguardo all’accordo sulla premiership raggiunto nel vertice del centrodestra di ieri (il partito che prenderà più voti il 25 settembre avrà la “prelazione” sul nome del prossimo premier), è riduttivo dire che sia passata la linea di Fratelli d’Italia. “È passata la linea del buon senso, in tre ore abbiamo trovato un accordo su tutto il programma. Non è la linea di Meloni, Salvini o Berlusconi, non è di uno, ma chi prende un voto in più ha l'onere e l'onore di indicare il premier. Si chiama democrazia, buon senso, matematica. Mentre a sinistra non si è ancora capito nulla, noi siamo alla fase programma”, ha detto.

"lo sono un alleato affidabile per gli italiani”

leggi anche

Governo, verso voto: doppio mandato, Conte smentisce aut aut Grillo

A proposito del programma, Salvini ha spiegato che c’è un cantiere aperto per definirlo e che, come stabilito nel vertice della coalizione, sarà unico per il centrodestra e si affiderà a un comitato. "La struttura è già quasi operativa. Dentro ci sono i tre leader e due tecnici per ciascun movimento, ma i temi sono già lì", ha detto. Tra le priorità ha citato la flat tax, la pace fiscale ("Rifarla è una nostra proposta"), le pensioni con lo stop alla legge Fornero. Ai microfoni di Radio24, poi, il leader del Carroccio ha risposto a una domanda su eventuali sospetti di lealtà rispetto a Giorgia Meloni: "lo sono un alleato affidabile per gli italiani, per Meloni, per Berlusconi. La Lega sta governando tre quarti delle regioni italiane. Quindi più eletti e affidabili di così… Io vado a processo perché ho mantenuto il mio impegno di bloccare gli sbarchi, la prossima udienza è il 16 settembre, mentre adesso ne arrivano a centinaia e questa è un'emergenza nazionale". "Io quello che dico cerco di farlo, quindi non vedo l'ora che arrivi il 25 settembre", ha aggiunto.

Salvini: europeisti e atlantisti, ma "non significa non voler buoni rapporti con Putin”

vedi anche

Elezioni, alleanze possibili: con Pd-M5S insieme più seggi al cdx

Salvini ha parlato anche della situazione internazionale. "La politica internazionale prescinde dai governi, siamo orgogliosamente alleati ai Paesi liberi occidentali democratici. Questo non significa non voler buoni rapporti con Putin. Quindi l'Alleanza atlantica non è in discussione", ha detto. "Sicuramente, a differenza di qualche altro Paese europeo belligerante a prescindere, io preferisco un'Italia dialogante e mediatrice", ha aggiunto. E ha confermato che ciò vale anche rispetto alla Russia e alle sue responsabilità nella guerra in Ucraina: "La guerra finirà. Chi ha sbagliato pagherà, ci sono i tribunali". Sui presunti contatti, a fine maggio, tra il suo consulente Antonio Capuano e funzionari dell'ambasciata russa per avere informazioni riguardo al sostegno al governo Draghi, ha concluso: "Fesserie, sono fesserie. Io ho lavorato e lavoro per la pace, contro una guerra che sta provocando morti e problemi economici per tutti".

Politica: I più letti