Giorgia Meloni lancia programma governo di Fratelli d'Italia per scuola senza bocciature

Politica

Durante la convention milanese la leader di FdI ha presentato i punti del programma di governo del suo partito che chiede una scuola senza più bocciati sul modello degli A-levels inglesi

 

ascolta articolo

La scuola proposta da FdI

Giorgia Meloni ha lanciato la proposta di una scuola senza più bocciature. Nella visione della leader di Fratelli d'Italia il nuovo sistema scolastico dovrebbe ricalcare il sistema dei livelli britannico con l'introduzione di un meccanismo che alla fine della scuola secondaria consenta di valutare il livello di conoscenza raggiunto da ogni studente. Ciò consentirebbe quindi di abbandonare il sistema delle bocciature. Nella mattinata della seconda giornata di lavori della conferenza di Fratelli d’Italia, a Milano, la scuola è stata uno dei punti centrali del programma di governo della destra insieme al tema di una giustizia con poteri limitati per i pm e di un welfare che preveda pensioni più alte per gli anziani che provvedono economicamente ai nipoti.  

Il programma di governo di Fdl

I punti salienti del programma di governo della destra sono racchiusi in un opuscolo di una trentina di pagine spuntato durante la seconda giornata della Convention di Fratelli d’Italia. Appunti scritti con il contributo di 11 esterni fra i quali si pescheranno, con tutta probabilità, i futuri ministri.

Da Guido Crosetto, co-fondatore di Fdi al giornalista Paolo Del Debbio, dal manager di Terna Antonio Donnarumma all'ambasciatore Stefano Pontecorvo, e poi gli accademici Luca Ricolfi e Cesare Pozzi, l'ex consigliere Rai Giampaolo Pozzi, l'ex presidente del Senato Marcello Pera, l'ex ministro dell'Economia Giulio Tremonti, l'ex sottosegretario agli Interni Alfredo Mantovano e il magistrato Carlo Nordio che la Meloni ha candidato 3 mesi fa per il Quirinale.

 

Gli A-levels del Regno Unito

approfondimento

Scuola, come funzionerà reclutamento docenti riforma Bianchi

Gli studenti inglesi iniziano la Primary School (la nostra scuola elementare o primaria) a 5 anni, mentre la Secondary School - che equivale alla nostra media e a una parte della nostra scuola superiore - va dagli 11 ai 16 anni. In questo lungo percorso gli studenti vengono ammessi da un anno al successivo senza esami o promozioni alla classe superiore: non esistono cioè le bocciature che sono possibili solo ed eccezionalmente per motivi molto gravi come lunghi periodi di assenza. Gli anni scolastici in Inghilterra sono numerati in ordine progressivo: “Year One” è il primo della primaria, “Year Eleven” è l’ultimo della secondaria (che potrebbe essere paragonata alla nostra scuola superiore). Ed è proprio al termine della Secondary School che gli studenti inglesi, affrontano i loro primi importanti esami ossia i GCSE.

I GCSE

approfondimento

Compito a scuola 'Imparare Bella Ciao', polemica a Faenza

GCSE è un acronimo che sta per General Certificate of Secondary Education. Si tratta di un esame affrontato dai ragazzi inglesi all’età di circa 16 anni, i quali devono, in questa fase della loro carriera scolastica, scegliere diverse materie – di solito circa 10 – per le quali vogliono ottenere il GCSE. Tra le discipline più scelte a questo livello figurano lingua e letteratura inglese, matematica, una o più lingue straniere, alcune materie scientifiche e storia o geografia.  La preparazione per gli esami GCSE avviene normalmente durante un periodo di due o tre anni scolastici. E’ un momento importante per la carriera scolastica ma non decisivo come il superamento degli A Levels.

 

Gli A-levels e l'Università

approfondimento

Da Milano ad Agrigento, le scuole unite per l'Ambiente

Dopo aver superato i GCSE, nel Regno Unito gli studenti entrano nella fase definita Sixth Form (Year 12 e 13 ossia  gli ultimi due anni della della nostra scuola superiore) e si preparano all’Università con il General Certificate of Education Advanced Level, noto semplicemente come A Level. È necessario scegliere quali A Level sostenere, di solito tre o quattro materie di cui si effettua uno studio molto approfondito in vista di ciò che si vorrà studiare all’università. Il periodo degli esami A Level è solitamente compreso tra maggio e giugno, ma i risultati complessivi vengono resi noti soltanto un paio di mesi dopo, nel mese di agosto, per la precisione il giovedì che cade più vicino al 15 agosto Quest’anno l’A Level Results Day è stato proprio il 15 agosto. Il punteggio ottenuto al termine degli A Level è uno, se non il principale criterio che viene preso in considerazione dalle università britanniche al momento dell’accettazione della domanda di iscrizione delle matricole.

Politica: I più letti