Covid, Cdm conferma coprifuoco alle 22. Ma la Lega si astiene: "Scelte illogiche"

Politica

Scontro a Palazzo Chigi. Il partito guidato da Matteo Salvini contesta alcune misure del nuovo provvedimento. Le regole saranno valide dal 26 aprile, quando è previsto il ritorno delle zone gialle e la ripresa di molte attività all’aperto, al 31 luglio. C'è il nodo del divieto di uscita notturna con la Lega in prima linea per spostarlo alle 23 laddove la cabina di regia della settimana scorsa aveva optato per mantenere le 22. Fonti: sarà possibile sedersi ai tavoli nei ristoranti al chiuso dall'1 giugno

Scontro in Consiglio dei ministri sul decreto sulle riaperture (TUTTE LE MISURE). La Lega ha fatto sapere che non voterà il provvedimento perché non approva alcune restrizioni, a partire dal coprifuoco alle 22. Fonti presenti alla riunione sostengono che il presidente del Consiglio, prima dell'inizio della riunione a Palazzo Chigi, avviata con un'ora di ritardo rispetto all'orario previsto delle 17, avrebbe espresso irritazione per l'affondo della Lega sul coprifuoco, mentre le decisioni sulle riaperture erano state prese in una cabina di regia dove era presente anche il partito guidato da Matteo Salvini (COVID, AGGIORNAMENTI - SPECIALE - ZONA GIALLA RAFFORZATA: LE REGOLE).

Lega: "Alcune scelte illogiche e punitive"

vedi anche

Nuovo decreto Covid, Cdm conferma coprifuoco: tutte le misure

Secondo fonti ministeriali prima del Cdm - dapprima previsto per le 17,  ma avviato più tardi - si è tenuta una riunione supplementare - e informale - proprio sul nodo del divieto di uscita notturna, con la Lega in prima linea per spostarlo alle 23 laddove la cabina di regia della settimana scorsa aveva optato per mantenere le 22, anche con i ristoranti aperti a cena.  "Al di là del coprifuoco, non sono logiche le restrizioni per i locali al chiuso anche in zona gialla. E sono previste troppo in là alcune riaperture, con scelte illogiche e punitive per palestre e piscine". Così fonti della Lega spiegano l'astensione dal voto al nuovo decreto. "Bene la riapertura parziale di cinema e teatri, ma perché punire i ristoratori senza spazio esterno?", si chiedono i leghisti. "Meglio 10 persone controllate e distanziate al bar o al ristorante, che non 10 persone chiuse in un'abitazione privata", osservano..

Cosa contiene il nuovo decreto Covid

vedi anche

Certificazione verde, pass per spostarsi tra regioni di colore diverso

Il nuovo decreto sarà valido dal 26 aprile al 31 luglio. Dal 26 aprile torneranno le zone gialle e potranno riprendere molte attività all'aperto. Secondo quanto si apprende da fonti ministeriali dopo il Cdm, sarà possibile sedersi ai tavoli nei ristoranti al chiuso dal primo giugno. Per quanto riguarda le scuole è previsto un ritorno in aula in zona rossa  fra il 50 e il 75% degli studenti, in quelle gialle e arancioni fra il 70 e il 100%. Arriva inoltre la "carta verde" per gli spostamenti tra le Regioni: chi la falsifica rischierà il carcere. Ripartono con gradualità gli spettacoli.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.