Università, ministro Manfredi: pandemia non ha influito su numero laureati ed esami

Politica

Il ministro a Sky TG24: "Nelle zone rosse la didattica sarà tutta a distanza, salvo alcune eccezioni, nelle regioni gialle ed arancioni ci sarà didattica in presenza solo per le matricole".  E aggiunge: "Dobbiamo mettere insieme la sicurezza sanitaria e l'efficacia formativa"

"Le università sono aperte e il tema riguarda la didattica. Nelle zone rosse la didattica sarà tutta a distanza ad eccezione di quelle che sono alcune attività obbligatorie, come la didattica nelle aree sanitarie e anche i laboratori obbligatori. Nelle Regioni gialle ed arancioni ci sarà didattica in presenza solo per le matricole perché abbiamo deciso insieme al governo di privilegiare i ragazzi che sono al primo anno e quindi hanno maggior bisogno della didattica in presenza". Così a Start, su Sky TG24, il ministro dell'Università e della Ricerca Gaetano Manfredi a proposito delle norme contenute nel nuovo Dpcm.

Pandemia non ha influito sul numero di laureati ed esami

approfondimento

Ippolito (Cts): “Faremo i conti con la pandemia per tutto il 2021”

"Nel periodo del completo lockdown abbiamo avuto un numero di laureati e un numero di esami sostenuti praticamente uguale a quello degli anni precedenti. Durante questo periodo, abbiamo adottato invece un modello misto di didattica in presenza e a distanza contemporaneamente per la maggior parte degli insegnamenti, proprio perché ci eravamo già preparati a un sistema flessibile", ha aggiunto Manfredi. "È ovvio  - ha proseguito - che la didattica a distanza significa far perdere qualcosa ai nostri studenti dal punto di vista formativo perché essere in aula non è solo apprendere ma anche socializzare e avere relazioni, ma noi dobbiamo mettere la sicurezza sanitaria insieme all’efficacia formativa, e i risultati sono buoni".

"Su trasporti paghiamo politiche passate"

approfondimento

Covid: la mappa delle regioni in zona rossa, arancione e gialla

Manfredi è intervenuto anche sul tema dei trasporti. "È chiaro - ha detto - che l'università che mobilita due milioni di studenti impatta sui trasporti, per questo si è deciso di limitare la didattica in presenza". "L'anello trasporti - ha proseguito - è uno degli anelli più sensibili. Abbiamo una società organizzata in maniera molto rigida che tende a concentrare nelle ore di punta la mobilità e infatti i problemi maggiori li abbiamo avuti nelle aree metropolitane. Dobbiamo però dire che in questo periodo stiamo pagando il prezzo di politiche fatte negli ultimi anni che hanno anche penalizzato fortemente il trasporto pubblico locale e hanno ridotto l'offerta".

"Crisi opportunità per digitalizzazione"

Secondo il ministro, però, "oltre che parlare di emergenza e di presente dobbiamo anche parlare di futuro, perché ogni crisi è anche un’opportunità. Questa grande accelerazione sulla digitalizzazione e sull’uso delle tecnologie digitali, in un Paese che da questo punto di vista è arretrato, rispetto sia alle competenze che alle infrastrutture, può rappresentare per l’Italia una grande opportunità". Questo – ha concluso – serve "anche per costruire un’università che sia più inclusiva, per raggiungere anche dei segmenti della popolazione che oggi sono esclusi, ma anche guardando a un futuro in cui la formazione continua sarà un compagno di strada e in cui i tempi del lavoro e dello studio di intrecceranno in un mondo in cui le competenze diventano rapidamente obsolete”.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.