Ex Ilva, Misiani: "Nazionalizzazione poco fattibile"

Politica

Il viceministro dell'Economia parla del futuro dello stabilimento in un'intervista, levando dal tavolo l'ipotesi della nazionalizzazione e il coinvolgimento della Cassa depositi e prestiti

Riaprire il confronto con ArcelorMittal, tenendo presente che la nazionalizzazione è "poco fattibile e problematica". In un'intervista al Corriere della Sera, il viceministro dell'Economia Antonio Misiani fa il punto sulla strategia del governo sul futuro dell'ex Ilva. Sottolineando alcuni punti fermi: i cinquemila esuberi annunciati sono inaccettabili e gli impegni contrattuali sottoscritti un anno fa vanno mantenuti.

Ex Ilva, "nazionalizzazione problematica"

L'interesse nazionale è "portare a compimento il piano ambientale e industriale", sostiene Misiani, che esclude dal tavolo un coinvolgimento della Cassa depositi e prestiti - "non è nel novero delle azioni in discussione" - e la nazionalizzazione - "tecnicamente è poco fattibile e problematica sotto vari punti di vista". Sull'immunità penale, il viceministro precisa poi che "il Pd è a favore di una norma di carattere generale" ma che allo stato attuale "non ha senso discuterne prima della ripresa delle trattative".

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.