Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Fondi Lega-Russia, Savoini non risponde ai pm. M5S: pronto testo su commissione inchiesta

4' di lettura

Il presidente di LombardiaRussia non risponde ai pm. Verranno sentiti anche l'avvocato Meranda e probabilmente D’Amico. Conte: "Salvini deve riferire alle Camere? Perché no". Leader della Lega: "Non devo spiegare niente". Previsto incontro M5S-Lega su proposta di legge

Mentre fonti del M5S annunciano di avere pronta un proposta di legge per istituire la commissione di inchiesta sui finanziamenti a tutti i partiti, prosegue a Milano l'inchiesta sul caso dei presunti fondi russi alla Lega. Gianluca Savoini, l’uomo al centro della vicenda e indagato per corruzione internazionale, davanti ai pm si è avvalso della facoltà di non rispondere. Prima dell'interrogatorio, in Procura si è tenuto un lungo vertice tra pm nell'ufficio del procuratore aggiunto Fabio De Pasquale, per fare il punto sull'inchiesta. Nei prossimi giorni verrà sentito anche l'avvocato Gianluca Meranda e probabilmente anche il consigliere di Salvini, Claudio D’Amico, che, come scritto in una nota di Palazzo Chigi, avrebbe sollecitato la presenza di Savoini al Forum Italia-Russia con Putin e Conte (FOTO). Parlando di Savoini e D'Amico, in un'intervista tv, Salvini ha precisato: "Io conosco brave persone. Fino a prova contraria, almeno che non si dimostri che qualcuno ha fatto qualcosa fuori posto, io ho fiducia nelle persone. Se c'è uno stato di diritto liberale e democratico, si è innocenti a meno che non si venga dimostrati colpevoli".

La proposta di legge del M5S

Tornando alla commissione di inchiesta, era stato il Pd a proporre di istituirne una parlamentare sui legami tra Lega e Russia. Mentre Salvini aveva bollato la richiesta come “ridicola”, il M5S si era detto d'accordo, a patto che fosse "sui finanziamenti a tutti i partiti, associazioni e fondazioni collegate". Ora, secondo fonti pentastellate, il testo sarebbe pronto. Secondo quanto previsto dal contratto gialloverde, spiegano le fonti, la proposta di legge sarà sottoposta dal capogruppo del M5S alla Camera alla firma del capogruppo della Lega. "Nessuno per ora mi ha contattato: domani siamo a Roma, vedremo con piacere il testo e valuteremo", ha commentato Riccardo Molinari, capogruppo del Carroccio alla Camera. Poco dopo, ha parlato Francesco D'Uva, capogruppo M5S alla Camera: "Sì, mi sono sentito pochi minuti fa con Molinari. Domani mattina ci incontreremo per vedere insieme il testo". "Questa commissione - ha aggiunto - è un importante passo verso una doverosa trasparenza che la politica deve avere nei confronti dei cittadini".

Conte: "Salvini deve riferire alle Camere? Perché no"

Intanto, si continua a parlare anche della possibilità che il leader della Lega riferisca in Aula. "Ho fiducia in Salvini ma dobbiamo trasparenza", ha detto ieri il premier Giuseppe Conte sulla questione. E oggi, a chi gli chiede se il ministro dell'Interno debba riferire alle Camere sulla vicenda dei rubli al Carroccio, risponde: "Perchè no?". "Noi crediamo nella trasparenza nei confronti dei cittadini in ogni sede, in tutte le occasioni, in primis in Parlamento, le sedi giuste per onorare questa linea guida", spiega il premier. Anche il vicepremier Luigi Di Maio aveva invitato il leader della Lega a riferire in Parlamento e aveva chiesto di istituire subito una commissione d'inchiesta sui finanziamenti a tutti i partiti. "Mi occupo di vita reale e non di spionaggio o di fantasia, c'è un'inchiesta e attendiamo sereni la sua conclusione", il commento di Salvini. "Non è per mancanza di rispetto verso il Parlamento. È che se pure andassi a riferire al Senato non avrei proprio niente da dire", incalza ancora il ministro dell'Interno, come ricostruito dal Corriere e Repubblica: "Di cosa dovrei parlare in Aula, di cene?".

La smentita di Conte su Savoini

Le dichiarazioni del vicepremier sono arrivate dopo che Conte lo ha sconfessato sulla presenza di Savoini alla cena a Villa Madama durante il bilaterale con Putin, lo scorso 4 luglio. Salvini ha negato di averlo invitato, ma una nota diffusa da Palazzo Chigi ha precisato: è stato un consigliere di Salvini, Claudio D’Amico, a sollecitare la presenza Savoini al Forum Italia-Russia. Il presidente del Consiglio, comunque, ha assicurato che non è a rischio la tenuta del governo, ma ha anche sottolineato che il chiarimento era "doveroso".

Data ultima modifica 15 luglio 2019 ore 21:55

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"