Fisco, Salvini: "Dal 2020 forte taglio delle tasse. Pronti a scontro con Ue su manovra"

Politica

Il vicepremier, intervenendo al Villaggio di Coldiretti a Milano, ha spiegato: “Se troveremo un accordo lo faremo con il sorriso se no...lo faremo lo stesso”. Per quanto riguarda la scelta del commissario Ue italiano, dice: “Non ho riserve, sarà una figura politica”

"Dall'anno prossimo faremo un forte taglio delle tasse, preparatevi a un bello scontro con l'Europa". È quanto promette il ministro dell'Interno e vicepremier Matteo Salvini durante l'incontro pubblico al Villaggio di Coldiretti a Milano. A chi gli chiede un'anticipazione sulla sua agenda dei prossimi mesi, il leader della Lega risponde: "Io la pazienza del pescatore ce l'ho, se troveremo un accordo lo faremo con il sorriso se no...lo faremo lo stesso", spiega. Quindi, un passaggio sulle autonomie regionali, che definisce "un cambiamento epocale”: "C'è un'altra riunione lunedì, non è un tira e molla. I cambiamenti storici hanno bisogno di tutti gli approfondimenti del caso", ha aggiunto il ministro.

"Il commissario Ue italiano sarà politico"

"Io la riserva non ce l'ho" ma "il nome lo discuto prima con gli altri che con i giornalisti”, ha replicato invece ai giornalisti che gli hanno chiesto quando scioglierà la riserva sul nome del futuro commissario europeo che deve indicare l'Italia. (TUTTE LE NOMINE UE) "Non mando a Bruxelles un nemico del mio Paese", ha detto il vicepremier che, alla domanda se sarà un tecnico o un politico, ha risposto: "L'era dei tecnici mi sembra ampiamente superata”.

"Chi vuole marchio italiano resti in Italia"

Il ministro dell’Interno parlando della tutela dei marchi italiani ha sottolineato che "c'è già il decreto crescita: se vuoi rilevare un marchio storico italiano, diciamo Pernigotti, non puoi chiudere in Italia, licenziando in Italia, aprendo poi all'estero, assumendo all'estero e vendendo in Italia con lo stesso marchio. Se vuoi prendere quel marchio stai in Italia a far lavorare gli italiani e a produrre prodotti italiani”, ha aggiunto. E ne approfitta per dare una stoccata alla Ue: "Abbiamo dato 11 miliardi alla Turchia per fare concorrenza sleale alle aziende agroalimentari italiane".

Cgia: "Tasse al 48%"

Intanto, secondo i dati della Cgia, i contribuenti italiani subiscono una pressione fiscale reale del 48%, 6 punti in più rispetto al dato ufficiale. "Sebbene negli ultimi anni il peso delle tasse sia calato, molti non se ne sono accorti, per la crescita delle tariffe”, spiega la Cgia, che aggiunge che un fattore negativo lo riveste anche il sommerso. Altro punto dolente: la Manovra richiesta dall'Ue per il 2020 porterà ad un aggravio.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.